Le guastedde ennesi

Inserita da il Nov 22nd, 2015 e archiviata in *Home Gallery Foto 4, Gastronomia Sicilia. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

focaccia-pomodoriLe “guastedde” rappresentano una delle colonne portanti della gastronomia tipica di Enna, la città che Callimaco definì “l’ombelico della Sicilia”. Sono diverse dalle antiche guastedde palermitane, morbide focacce imbottite di milza e ricotta. Due sono le “varianti” principali con cui condire la guastedda ennese.
Non resta che andare nel dettaglio di ingredienti e preparazione, per poterle finalmente gustare.

Ingredienti per la pasta

– Farina di grano duro 1 Kg;

– Lievito di birra 30 gr;

– Un pizzico di sale;

– Mezzo bicchiere di acqua tiepida

Sciogliete il lievito con l’acqua tiepida e un pizzico di sale. Incorporatelo alla farina che avrete già preparato sulla spianatoia e lavorate l’impasto finché non risulterà liscio ed elastico. Una volta terminata quest’operazione, date alla pasta la forma di palla e copritela, lasciandola lievitare per circa un’ora. Una volta lievitata la pasta, disponetela in due teglie unte d’olio, spianandola con le mani e conditela.

Ingredienti per il condimento (prima versione)

– Pomodoro maturo 500 gr;

– Pancetta salata 100 gr;

– Sale e pepe

Spellate il pomodoro, togliete i semi e tagliatelo a pezzetti. Mettetelo sulle guastedde insieme ai pezzi di pancetta, un pizzico di sale, molto pepe. Passate nel forno a 220° per circa 45 minuti.

Ingredienti per il condimento (seconda versione)

– Carciofi 4;

– Acciughe sott’olio 4;

– Ricotta salata grattugiata 100 gr;

– Olio extravergine di oliva;

– Sale e pepe

Tagliate i carciofi a fettine molto sottili e disponeteli sulle guastedde, insieme alle acciughe a pezzetti. Condite con olio, sale, pepe e abbondante ricotta grattugiata. Passate nel forno a 220° per circa 45 minuti. Le origini di questa deliziosa specialità sono verosimilmente medievali ed il tocco di classe che conferisce l’inconfondibile doratura è senza dubbio il forno a legna. Naturalmente, anche il forno elettrico è in grado di fornirvi un risultato ottimale.







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata