“Il tuo Android è stato infettato”: virus o pubblicità? – Nessun virus da ViviEnna

Inserita da il Gen 29th, 2016 e archiviata in *Home Gallery Foto 2, Redazionali. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

cellulare virusGli smartphone e i tablet Android, grazie alle loro infinite potenzialità, sono riusciti ad attirare l’attenzione di tutti. Ma proprio tutti. Compresi i malintenzionati, che, sempre più spesso, prendono di mira il sistema operativo del robottino verde con dei malware progettati ad hoc. Malware che spiano le attività degli utenti, mostrano pubblicità indesiderate e compiono altre operazioni “poco carine” ai danni delle vittime.

Ma come proteggersi da queste minacce? Niente panico. Per fortuna, sul Play Store di Google, sono arrivati molti antivirus Android che permettono di proteggere smartphone e tablet da tutti i malware più pericolosi. La maggior parte di essi, almeno nella loro versione di base, sono gratuiti e includono diverse funzioni aggiuntive, come ad esempio quelle per rintracciare i dispositivi in caso di furto/smarrimento e bloccare le chiamate indesiderate.

Secondo il Mobile App Reputation Service di Trend Micro ci sono oltre un milione di app infette da malware. Molte di queste, più che infette, sono dei veri e propri cavalli di Troia, app create solo per carpire dati o credito telefonico, imitazioni spesso ben fatte dei giochi e applicazioni più diffusi.
Anche Google Play, nonostante i controlli, può contenere qualche applicazione infetta, mentre sembra che gli app market alternativi ne siano pieni.
I principali pericoli sono due: la sicurezza dei dati che riguarda tutti i tipi di dispositivi che contengono dati privati, mentre il secondo pericolo riguarda i dispositivi dotati di connessione dati, ossia tutti gli smartphone e i tablet dotati di scheda sim : ci sono app malevole che attivano servizi premium (a pagamento) a nostra insaputa. Probabilmente il secondo tipo è il più diffuso e anche quello che direttamente ci colpisce nelle tasche.

La regola principale è scaricare le app solo da Google Play e dall’app store specifico del vostro dispositivo, ad esempio Samsung App Store. Installare un antivirus è sicuramente utile ma se il vostro dispositivo non è abbastanza performante meglio farne a meno.


gli esperti di Sophos, il 2016 sarà l’anno in cui i dispositivi Android saranno maggiormente a rischio virus e malware, sebbene la casa di Mountain View fa sapere che fino a questo momento nessuno ha sfruttato eventuali falle di sicurezza per sferrare attacchi di prateria o di malware, e che comunque i tecnici stanno lavorando a fondo per rendere i dispositivi Android impenetrabili.
L’App Store di Apple quest’anno è stato varie volte interessato da attacchi o tentativi di pirateria di ogni genere, visto anche il vasto utilizzo dei dispositivi made in Cupertino e la nota propensione di vip, industriali e benestanti di acquistare dispositivi con tale sistema operativo, ma non è mai crollato. Android è comunque flessibile al mercato di terze parti, e questo rende il sistema operativo appetibile ai cybercriminali, ma la casa ci sta lavorando.







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata