Con legge bilancio approvate agevolazioni per assunzioni

Inserita da il Feb 14th, 2017 e archiviata in Life focus. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

Esonero contributivo assunzioni a tempo indeterminato


Confermato, anche per l’anno 2017, l’incentivo per le assunzioni a tempo indeterminato, ma con importanti differenze rispetto agli anni precedenti.
In particolare, l’esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi Inail, nel limite massimo di 3.250 euro su base annua, è riconosciuto, per un periodo massimo di 36 mesi, con riferimento alle nuove assunzioni a tempo indeterminato, effettuate dal 1° gennaio 2017 e non oltre il 31 dicembre 2018, anche con contratto di apprendistato.
L’esonero, a differenza del passato, spetta ai datori di lavoro che procedano a nuove assunzioni a tempo indeterminato, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio, di studenti che svolgono presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro, per un periodo:

 

  • pari almeno al 30% delle ore di alternanza previste ai sensi dell’art. 1, co. 33, della L. n. 107/15;
  • ovvero pari almeno al 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza all’interno dei percorsi erogati ai sensi del capo III del D.Lgs n. 226/05;
  • ovvero pari almeno al 30% del monte ore previsto per le attività di alternanza realizzata nell’ambito dei percorsi di cui al capo II del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2008, pubblicato nella G.U. n. 86 dell’11 aprile 2008;
  • ovvero pari almeno al 30% del monte ore previsto dai rispettivi ordinamenti per le attività di alternanza nei percorsi universitari.

L’esonero si applica inoltre ai datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

 

Incentivi assunzioni disabili
Prevista la riattribuzione delle risorse del Fondo per il diritto al lavoro dei disabili (art. 13, co. 4, della L. n. 68/99), già trasferite alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano ed eventualmente non impegnate in favore dei beneficiari, ai Fondi regionali per l’occupazione dei disabili (art. 14, co. 1, della medesima L. n. 68/99).
Tali risorse saranno prioritariamente utilizzate allo scopo di finanziare gli incentivi alle assunzioni delle persone con disabilità successive al 1º gennaio 2015 e non coperte dal predetto Fondo.

 
a cura di Gildo Matera







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google





Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

ViviEnna


Photo Gallery

mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata