Rifiuti. Lavoratori di “EnnaEuno” con nove mesi di arretrati

Inserita da il Mar 12th, 2017 e archiviata in * Flash news, * Politica. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

Ritorna l’agitazione tra i lavoratori di “EnnaEuno” ed in particolare del Centro comunale di raccolta di contrada Venova di Enna e del settore tecnico-amministrativo. Al centro di tutto ancora la mancata retribuzione che nel caso del Ccr, dicono i lavoratori, arriva ormai a nove mesi di arretrati: «Ancora una volta ci sentiamo presi in giro e la nostra pazienza sta per finire. Assistiamo ad un comportamento vergognoso nei nostri confronti». Il loro unico grazie lo rivolgono al personale della Digos «a cui abbiamo manifestato il nostro disagio e sono stati molto comprensivi, ma per il resto da chi ha il potere per risolvere i nostri problemi arriva solo il silenzio».
Il dito dei lavoratori del Ccr è puntato sui sindaci: «Credevamo che si sarebbero interessati alla nostra situazione ed invece niente di niente, in cambio della nostra fiducia abbiamo ricevuto solo disinteresse e così non si può più andare avanti».
Come confermato anche dal settore tecnico-amministrativo alla base di tutto c’è ancora una volta il mancato versamento della propria quota da parte dei Comuni soci di “EnnaEuno” e questo blocca i pagamenti degli stipendi.
C’è anche da dire che pure a fronte di un completo versamento, quanto incassato non basterebbe comunque a coprire tutti i costi, compreso quello del personale.
Ma nonostante la gravissima situazione economica di chi attende lo stipendio, i lavoratori non se la sentono di creare un disagio alla cittadinanza: «Stiamo continuando a lavorare per non creare disagi ai cittadini. Ritiriamo i rifiuti ingombranti dalle strade e nel nostro centro riceviamo anche quelli dei Comuni che non versano la loro quota ma che utilizzano comunque il servizio» e rivolgendosi direttamente ai sindaci chiedono: «Pensate sia giusto utilizzare un servizio che non viene pagato a causa dei vostri mancati pagamenti?».
Oggi il problema è tornato ad esplodere anche tra gli amministrativi che si chiedono che fine abbiano fatto i decreti ingiuntivi nei confronti dei Comune e si dicono pure convinti che l’attuale muro contro muro tra sindaci e la struttura alla fine travolgerà ancor di più i lavoratori.







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata