Tragedia a Villarosa: 43enne disperato e senza lavoro si suicida

Inserita da il Mar 12th, 2017 e archiviata in Cronaca. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

Villarosa. Aveva 43 anni, era single, forse è stato vinto dalla disperazione, al punto da togliersi la vita sparandosi alla testa. La tragedia è avvenuta in un’abitazione di via Sciandra nel quartiere Croce. e Non è morto sul colpo ma nonostante siano stati allertati subito i soccorsi del 118 con l’intervento anche dell’elisoccorso, purtroppo non è stato possibile strapparlo alla morte. Pare che sia giunto già in gravissime condizioni all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dove ora si trova il corpo a disposizione delle autorità. La notizia dell’insano gesto si è diffusa velocemente nella stessa giornata in tutto il paese. Non si conoscono i motivi che hanno spinto l’uomo a tutto questo, anche perché qualche ora prima, nell’abitazione dove viveva da solo, con il fratello aveva preso un caffè e sembrava del tutto tranquillo. Sull’episodio indagano ovviamente i carabinieri. Non è da escludere che una crisi depressiva possa essere stata la causa del suicidio. Un malessere che nascondeva forse dietro una parvenza di normalità.
«Dopo la morte di entrambi i genitori da quattro anni – racconta il cognato – abitava nella casa dei genitori. Nonostante avesse difficoltà economiche per mancanza di lavoro, noi cercavamo di aiutarlo come potevamo. Per mangiare veniva quasi sempre a casa nostra e lo trattavamo come un figlio. Non aveva nessuna entrata, ma per quanto riguarda il mangiare o io o il fratello non glielo abbiamo mai fatto mancare. Sperava in qualche lavoro, ha tentato anche di chiedere aiuto al Comune, ma a scavalcarlo in qualche progetto per i disoccupati erano sempre chi aveva famiglia e figli. Nessuno poteva immaginare, nonostante la grande difficoltà economica, una cosa di questa».
«Un povero Cristo senza lavoro – commenta mons. Stagno – è la disperazione che attanaglia tanti poveri che non sanno a che porta bussare. Molti stanno scappando altrove per la disperazione. Vivere ormai è difficile, qui ormai c’è un problema di esistenza, esistenziale”. Insomma, è un malessere che si propaga sempre di più in tutta la nazione e in Sicilia in particolare che – come a riporta L’Osservatorio Link Lab- si attesta al secondo posto per numero di tentativi di suicidio per crisi economica. Secondo i dati Istat, l’ultimo anno in cui sono disponibili sono del 2013, “sono 4291 (in prevalenza uomini adulti) le persone che ogni anno in Italia decidono (e riescono) a togliersi la vita con i metodi più disparati. Una strage silenziosa e continua che dopo un periodo di assestamento al ribasso (quasi dimezzati i dati che riguardano le donne) ha registrato una nuova accelerazione (colpendo soprattutto gli uomini in età da lavoro) con l’esplosione della crisi economica mondiale nell’agosto del 2007». Numeri che fanno impressione e che devono tuttavia essere considerati per difetto visto che in molti frangenti, i casi di suicidio non vengono riconosciuti come tali.

Giacomo Lisacchi







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata