Villarosa, tanta tristezza ai funerali del 43enne disoccupato che si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa

Inserita da il Mar 17th, 2017 e archiviata in Villarosa. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

Villarosa. C’era tanta gente, ma anche tanta tristezza ai funerali di Giuseppe Dell’Aera, il 43enne disoccupato che nella mattinata di venerdì si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa. L’amarezza trapelava negli sguardi delle molte persone che hanno affollato la chiesa Madre per dare l’estremo saluto a un giovane uomo sfortunato. Un silenzio solenne di sottofondo durante l’intera funzione concelebrata dal vicario foraneo, don Tino Regalbuto, e da mons. Salvaore Stagno, mai interrotto, solamente tanto dolore da parte della sorella e dei due fratelli. “Chi è insensibile al grido del povero non riesce a comprendere la parola di sofferenza –ha detto don Tino durante l’omelia-. Non possiamo accusare nessuno del dramma del nostro fratello, ma come comunità ci dobbiamo fare un esame di coscienza e chiederci se siamo in grado di aprirci al cuore di Dio e di ascoltare la voce del povero che grida. Anche se a volte non è il grido ma il silenzio che fa ancora più male”. Mons. Stagno alla fine del rito funebre ha salutato Giuseppe Dell’Aera, confidando nell’aiuto divino per sostenere tanti giovani disoccupati nel duro confronto della vita. “Dobbiamo rivedere il nostro rapporto con Dio perchè così andiamo alla deriva. I nostri capi –ha detto senza mezzi termini- fanno le leggi per loro comodità, siamo soli e abbandonati a noi stessi. Dov’è la società di oggi, dove sono i nostri responsabili?”. Quindi ha sottolineato quanto ha detto il papa: “Chi chiude imprese e toglie lavoro agli uomini per manovre poco chiare fa peccato mortale perché il lavoro è dignità”. Chi non ce l’ha davanti a se ha un percorso difficile, fatto anche di sofferenze”. Alla fine della funzione abbiamo raggiunto mons. Stagno nel suo ufficio e abbiamo chiesto dei giovani di Villarosa. “Sono pochi –ha detto- perché vanno via. Quelli rimasti sono impossibilitati fisicamente e moralmente a fare un passo perché non hanno un soldo in tasca e nessun appoggio alle spalle. Chi invece ha un appoggio se ne va perché deve vivere e proiettarsi in una realtà diversa dalla nostra. Il dramma di questo paese è anche il fatto di avere una squadra di ragazzi che ruba dalla mattina alla sera. C’è una sete di denaro enorme. Poco fa –conclude sconsolato mons. Stagno-, durante la funzione funebre, c’è stato il tentativo di un giovane di sottrarre qualcosa in sacrestia. Questa è la realtà sociale di Villarosa”. A questo proposito, dopo municipio, scuola e abitazioni private, anche la chiesa, qualche settimana fa, è stata oggetto di attenzione da parte dei ladri.

Giacomo Lisacchi







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata