San Giuseppe a Leonforte

Inserita da il Mar 20th, 2017 e archiviata in Leonforte. Puoi seguire tutte le risposte a questo articolo tramite RSS 2.0.

Leonforte. Passata la festa di San Giuseppe si è esaurita la querelle sulla tradizione: tradizione tramandata o tradizione tradita? E sulla data. Quest’anno cadendo di quaresima il 19 marzo, si è anticipata la processione del Santo Patriarca al 18 e la “girata dell’artara” al 17. Si può fare se ne facciano una ragione i nostalgici del 18/19. Tanti turisti hanno omaggiato Leonforte e anche quest’anno, come ogni anno, non hanno mancato di puntualizzare la mancanza dei servizi essenziali: bagni pubblici, fruibili e puliti, parcheggi organizzati e segnaletica comprensibile anche per i non leonfortesi. Pazienza. Sarà per la prossima volta. Una novità quest’anno ci è capitato di registrare: Liardo. Un gruppo del messinese mosso dal desiderio di assaggiare i “pupidda” e di immergersi nella religione popolare che esalta il “traficu” ha inaspettatamente domandato del Liardo. Perché? Perché il professore del gruppo sapendo il pittore garibaldino originario di Leonforte sperava di trovarvi libri, mostre, brochure e gadget. Possibile? Possibile! Poca cosa per non dir nulla ha raccolto il giovane intellettuale, molta amarezza ha invece lasciato a noi. Noi leonfortesi. Potremmo sempre per l’anno venente organizzare una cosa, una cosa qualunque su Liardo e San Giuseppe? Potremmo sforzarci cioè di valorizzare le nostre ricchezze? Cibo, folklore, cultura e ospitalità non ci fanno difetto e neppure le frasi roboanti sulla cultura evviva la cultura e rammarica pensare che su Filippo Liardo abbiamo solo una statua, poco nota, e il nome di una scuola che solo quello ha del pittore. A Lucca la casa di Puccini è diventata museo con tanto di biglietto. In attesa di sfruttare i migranti perché non proviamo con i nostrani: Liardo è cosa nostra e allora sfruttiamolo.

Gabriella Grasso







   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF

Contribuisci con una donazione all'Associazione ViviSicilia ViviEnna



Pubblicita'

Associazione ViviEnnaViviSicilia aderisci come sostenitore o partner

ViviEnna


Photo Gallery


Associazione ViviSicilia ViviEnna - C.F.: 91056290868 - Giornale telematico registrazione Tribunale Enna n.100 del 2002 - ROC 26063 - Riconoscimento giuridico Prefettura Enna (registro n.19)

Non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda il materiale contenuto nel sito, né per gli eventuali problemi derivanti dall'utilizzazione dello stesso o di eventuali siti esterni ad esso collegati. Tale materiale: non è sempre necessariamente esauriente, completo, preciso o aggiornato; è talvolta collegato con siti esterni sui quali non si ha alcun controllo e per i quali non assume alcuna responsabilità; non costituisce un parere di tipo professionale o legale. Non si garantisce che un documento disponibile in linea riproduca esattamente un testo adottato ufficialmente. Sulla riproduzione dei materiali e contenuti è gradita la citazione della fonte e relativo indirizzo web. Le immagini pubblicate, quasi tutte tratte da internet, e quindi valutate di pubblico dominio.

La responsabilità degli articoli è dei singoli autori. La collaborazione è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.


Accedi


mail: vivisicilia.it@gmail.com | Versione VEBLU 1.2ab | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata