mercoledì , Luglio 28 2021

Enna. Consorzio di bonifica a disposizione del territorio e di operazioni di protezione civile

gaetano punzi“Noi siamo a disposizione del territorio in qualsiasi occasione, siamo stati pronti a collaborare la scorsa settimana in occasione dell’allerta meteo. Le strade extraurbane dovrebbero tornare a nostra disposizione in modo da poterli mettere in sesto e venire incontro alle esigenze degli agricoltori” a dichiararlo Gaetano Punzi, direttore generale del Consorzio di Bonifica ennese, geologo, che vuole cambiare la strategia operativa del Consorzio e, quindi, essere più vicino al territorio, alle esigenze degli agricoltori e della gente. Gaetano Punzi ha inviato una lettera venerdì scorso al Prefetto, in un momento di grande tensione per l’arrivo di complicazione atmosferiche, subito è stato chiamato in causa. Ha incontrato il capo di gabinetto, dottor Grasso, ed ha messo subito a disposizione una squadra di pronto intervento comunicando anche che il Consorzio cambia strategia e si mette a disposizione del territorio, quindi a disposizione anche in materia di protezione civile. Questo è sicuramente un grosso passo in avanti perché entrano in circolo una struttura e dei lavoratori che hanno grande competenza in fatto di interventi, avendo anche a disposizione i mezzi, oltre ad avere la possibilità di monitorare il territorio, offrendo dati e situazioni ai sindaci dei comuni che possano tornare utili nel momento in cui se ne sente la necessità. Il Consorzio di Bonifica con le proprie infrastrutture logistiche ha a disposizione circa 300 persone tra personale tecnico, amministrativo ed operativo in materia di interventi di bonifica e quindi di prevenzione nel campo del dissesto idrogeologico. Non bisogna dimenticare che sino agli anni ‘90 la manutenzione ordinaria e straordinaria di quasi tutta la viabilità interna era invece di competenza dei Consorzi di Bonifica oltre ad avere anche competenza nelle sistemazioni idraulico-forestali degli alvei dei fiumi e torrenti, che sono quelli che mal curati creano i dissesti idrogeologici. L’ingresso nel campo della Protezione Civile del Consorzio di Bonifica con tutta la sua struttura rappresenta sicuramente una positività enorme e Gaetano Punzi ha fatto capire al Prefetto così come ai sindaci che la loro presenza costituisce un arricchimento dei gruppi che lavorano per migliorare il territorio ed essere pronti ed efficienti in caso di allerta meteo, di interventi su strade di campagna molto spesso mal curate da anni, allora il Consorzio di Bonifica c’è.




Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia