mercoledì , Gennaio 20 2021

Centuripe. Scavo archeologico “Kentoripa 10″ nell’area di Castellaccio di Sicilia di SiciliAntica

Centuripe. Lo scavo archeologico denominato “Kentoripa 10″ iniziato ieri si svolgerà sino al 10 ottobre. I lavori sono stati autorizzati dalla soprintendenza di Enna. Il comune di Centuripe provvederà al vitto e alloggio dei volontari di Siciliantica nei locali dell’ex macello comunale. Il responsabile degli scavi sarà l’archeologo Giacomo Biondi del CNR Catania. L’area di Castellaccio è la parte settentrionale della contrada Difesa, che corrisponde alle pendici orientali del monte su cui sorge Centuripe. Tale contrada è stata spesso teatro di importantissimi rinvenimenti casuali: basti ricordare la nota iscrizione menzionante il rapporto di syngheneia tra l’antica Centuripe e Lanuvio. Tutta la fascia orientale dell’abitato, inoltre, è costellata di monumenti di età imperiale, che spesso costituiscono parte integrante delle strutture moderne.
La zona di Castellaccio – che trae nome da un ambiente conservato, fino all’Ottocento, per metà della sua estensione e per un’elevazione massima di m 4,20 ca., ben visibile ancora agli inizi dello scorso secolo– corrisponde ad un settore che si trova tra l’estremo braccio orientale dell’abitato moderno e, a valle, la S.P. 41. Durante i lavori di sbancamento per tracciare tale strada, nel 1973, fu tranciata una fornace antica. Numerosi altri rinvenimenti erano avvenuti già in passato nei pressi dell’edificio eponimo: una statua di Ercole, alcune iscrizioni funerarie, in lingua greca e latina, un cinerario con decorazione figurata a rilievo e iscrizione menzionante il nome del defunto, dei cui resti era ricettacolo: “T. Aelius, vissuto 17 anni, figlio di Euthyches e Coetonis”. Recentemente sono stati segnalati resti di pavimenti e di decorazioni parietali a stucco risalenti presumibilmente ad età tardo ellenistica e i frammenti di altre iscrizioni funerarie (latine e greche) di età imperiale, oltre a numerosi frammenti di ceramica sigillata databile allo stesso periodo.
Un sopralluogo in zona, assieme ad alcuni soci di SiciliAntica, ha permesso d’individuare i resti di almeno tre edifici in opera cementizia e paramento di blocchetti di arenaria, i resti di due abitazioni più antiche, una delle quali parzialmente scavata da ladri di antichità, resti di lastre di marmo (probabili lapidi funerarie) e un frammento di decorazione architettonica fittile, conformata a treccia, depositata presso il locale Museo. Non è chiaro se il “Castellaccio” corrisponda ad uno dei citati resti di edifici in opera cementizia.

La zona, in definitiva, sembra avere ospitato un quartiere ellenistico, al quale di sovrappose una necropoli di età imperiale, di cui forse fanno parte i ruderi in opera cementizia, e un quartiere artigianale. Non è escluso che gli strati più profondi celino anche tombe più antiche.
Uno scavo in tale zona darebbe sicuramente notevoli risultati archeologici e consentirebbe di restituire alla collettività nuovi monumenti in opera cementizia, che tra l’altro sarebbero anche scenograficamente visibili dalla prospiciente cresta in cui sorge il “Castello di Corradino”.