martedì , Gennaio 19 2021

Villarosa. Pronti da 7 anni, schiarita per 24 alloggi popolari comunali

Villarosa. Forse una schiarita per i 24 alloggi popolari comunali completati da sette anni, ma che per tutta una serie di inghippi che riguardano la realizzazione della rete fognaria e idrica, di competenza dell’Ato 5, il Comune non ha potuto assegnare agli aventi diritto. Il sindaco Gabriele Zaffora e l’assessore Mimmo Russo, ieri nella sala consiliare, hanno incontrato un gruppo di famiglie, che da anni si vedono negato il diritto sacrosanto della casa, lottando contro affitti, sfratti e con immobili fuori di ogni logica abitativa, per aggiornarli dell’incontro che si è svolto a Palermo presso la sede del “Commissario delegato per l’emergenza bonifiche e la tutela delle acque in Sicilia”. Pare che la struttura commissariale, secondo quando hanno detto il sindaco Zaffora e l’assessore Russo, abbia manifestato la disponibilità ad intervenire finanziariamente per risolvere le problematiche che sono di emergenza sociale e sanitaria. I progetti degli interventi, per un importo complessivo di 300 mila euro, che riguardano le opere idriche e fognarie, necessitano di essere aggiornati per cui la società di gestione (Acquaenna), per via dell’Ato, comunicherà entro domani l’importo aggiornato delle opere e cronoprogramma. Inoltre per l’8 marzo è stata convocata un’altra riunione, dove probabilmente si prenderà la decisione definitiva che sia il sindaco Zaffora che l’assessore Russo si augurano che sia positiva. Nel corso dell’incontro, da parte di quasi tutti i presenti, non sono mancati gli indici puntati verso le istituzioni per i ritardi finora accumulati. “Non vogliamo morire come a Favara –hanno detto-. Se qualcuno pensa di rimandare ancora i lavori necessari per rendere abitabili gli alloggi si sbaglia di grosso perché noi non aspetteremo più. Ci auguriamo –hanno sottolineato- che entro tempi ragionevoli vengano consegnati questi alloggi, altrimenti cercheremo di protestare più energicamente”. “Rispetto al nulla che c’era sino a quindici giorni fa –è stata la risposta di Zaffora-ora c’è una presa d’impegno da parte di tutti gli Enti che ne hanno titolo”. Intanto, non possiamo non sottolineare che gli alloggi in deverse occasioni sono stati oggetto di tentativi di occupazione abusive, con conseguenti danneggiamenti. Tanto che il prefetto, condividendo il giudizio di estrema gravità sulla vicenda sia dal punto di vista sociale, sia dal punto di vista delle gravi responsabilità derivanti dal danno patrimoniale ed erariale, inserì il tema nell’ordine del giorno di una sessione straordinaria del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza tenutasi eccizionalmente a Villarosa il 24 maggio del 2010.

Giacomo Lisacchi