venerdì , Gennaio 22 2021

Catenanuova. Ritorna in Argentina il settantenne Antonio Di Marco

Catenanuova. Rientrati ieri in Argentina, Antonio Di Marco e la figlia Anabella, dopo una breve visita di 12 giorni nella sua Catenanuova che non vedeva da 61 anni. “Troppo poco il tempo a disposizione – ha affermato il 70enne Di Marco – per questa gita organizzata che mi ha dato una gioia immensa e che mi ha fatto apprezzare la grande ospitalità dei miei concittadini in ogni occasione, dal mio arrivo sino alla partenza. Tutto è cambiato in questi anni, tranne la via e la casa da dove mi allontanai nel 1950, a soli 9 anni, per seguire assieme a due fratelli e la mamma, nostro padre già emigrato l’anno prima in Argentina. Oggi al ritorno, porto con me tanti filmati sull’evoluzione, in questi anni di lontananza, della mia terra d’origine”. Queste le semplici parole nel momento della partenza per l’aeroporto Ezeiza di Buenos Aires, con le lacrime agli occhi. Sabato passato, infatti, i 150 anziani del centro di via Gen. Passalacqua, hanno dato vita ad una sorta di saluto di commiato all’emigrante, con l’intervento del dott Dino Rizzo presidente ordine farmacisti ennesi, del parroco Natalino Bellone, della responsabile del centro Antonietta Cuocina, dell’assessore alla cultura, Laura Colica, alla sanità, Lucio Privitera, dell’ex capogruppo consiliare Santo Zampino. Prima del saluto finale del sindaco Aldo Biondi, che ha donato il libro “Storia di Catenanuova” del dott. Mariano Saccullo e due carretti siciliani, l’offerta di piccoli doni ricordo, dall’artista Carmelo Nicolosi (statuetta del Cristo), Turi Rapisarda (poesia in vernacolo), mentre i 20 elementi del ” Coro per caso” eseguivano “a cappella” pezzi del folklore siciliano e poi tutti al tavolo dei festeggiamenti, con torta, dessert, spumante e tante foto, che andranno ad arricchire la parete del salone dell’Usica (Unione Siciliani di Catenanuova) ad Hurlingham, nei pressi di Buenos Aires.

Carmelo Di Marco


Foto: al centro l’ass. alla cultura Laura Colica e i due emigranti rientrati oggi in Argentina- Antinio (padre) e Anabella Di Marco figlia