sabato , Gennaio 23 2021

Enna. Educazione ambientale “Uso e riuso: per un ambiente pulito” nelle scuole

Enna. Rispettare l’ambiente è una lezione che si impara soprattutto fra i banchi di scuola. Questa è la filosofia del progetto di educazione ambientale “Uso e riuso: per un ambiente pulito” condotto dalla Società Enna Euno S.p.A. nelle scuole.
“L’obiettivo generale del progetto, dichiara il presidente Luigi Bellettati, è quello di orientare i ragazzi e gli adulti verso abitudini e comportamenti corretti, finalizzati alla salvaguardia ambientale e quindi alla salute pubblica, attraverso la promozione della raccolta differenziata dei rifiuti in ambito domestico e del loro recupero, riutilizzo e riciclo”.
Il progetto, che si concluderà entro fine maggio, viene proposto da Enna Euno alle scuole di Enna e provincia e comprende tutta una serie di iniziative che possono, anche indipendentemente l’una dall’altra, divenire un’importante occasione di sensibilizzazione e formazione, quali: incontri con gli insegnanti per l’esposizione del Progetto, ciò al fine di stimolare i docenti a cogliere i suggerimenti utili a compiere questo processo in tutte le discipline; incontri con i genitori; per indicare gli obiettivi e le strategie, per discutere sulle forme di collaborazione e, in sintesi, migliorare la tipologia di coinvolgimento; incontri con gli alunni; sensibilizzazione alla solidarietà sociale tramite una raccolta di piccoli contributi per sostenere, in Burkina Faso, il progetto “Proteggere l’ambiente … Valorizzando i rifiuti a Ouagadougou” promosso dall’Associazione Internazionale Volontari Laici, finalizzato a trasformare i rifiuti di plastica in una risorsa per l’economia locale e in un’opportunità di reddito e lavoro per le fasce più emarginate: un modo per lottare contro la povertà e nello stesso tempo tutelare l’ambiente; partecipazione della scuola alla manifestazione finale sui rifiuti che la Società organizzerà a fine progetto.
Sono diverse le scuole che hanno già aderito sia ad Enna che a Leonforte e Regalbuto.
Alle scuole che lo richiedono vengono affidati, in comodato d’uso gratuito, una compostiera, un contenitore in pvc per la raccolta della carta e un contenitore per la raccolta della plastica; tali contenitori verranno collocati nel giardino della scuola. “In questo modo, dichiara la biologa Rosa Termine, oltre alla teoria anche la pratica, oggi è stata la Scuola Media Garibaldi di Enna ad attivare sia la raccolta differenziata di plastica e carta che il compostaggio. La carta e la plastica prodotti in classe vengono depositati in bidoni posizionati nel cortile della Scuola che gli operatori di Enna Euno provvederanno settimanalmente a svuotare, mentre la compostiera è stata posizionata nel giardino della scuola per sperimentare il compostaggio e poter ricavare dai rifiuti organici della mensa scolastica una risorsa utile per la terra del giardino stesso: il compost, contribuendo così a diminuire la massa di rifiuti che andrà in discarica”.


nella foto, alunni della scuola media Garibaldi di Enna