venerdì , Giugno 18 2021

NON CREDIAMO PIU’ ALLA FAVOLE. L’on. Edoardo Leanza a segretario Pdl Alfano: “Massima attenzione a infrastrutture e sorte Tribunale di Nicosia”

L’On. Edoardo Leanza a colloquio con il segretario del Pdl Alfano: “Massima attenzione alle infrastrutture e alla sorte del Tribunale nicosiano”

Roma, 19 settembre 2012 – Infrastrutture provinciali e Tribunale di Nicosia; queste le due tematiche principali affrontate oggi a Roma dal coordinatore provinciale del Pdl, Edoardo Leanza, a colloquio con il segretario provinciale del Popolo della Libertà ed ex Ministro della Giustizia, Angelino Alfano.

“Abbiamo la garanzia – afferma il coordinatore provinciale del Pdl, Edoardo Leanza – che lo stesso segretario Alfano porrà la massima attenzione su questi temi e ci tiene a sottolineare che l’impegno del partito sarà costante e non si lascerà fermare da qualunque sia il risultato delle prossime elezioni nazionali e regionali”.

“Abbiamo più volte sostenuto l’importanza che il Tribunale di Nicosia riveste per tutto il territorio dei Nebrodi e delle Madonie, e per la stessa sopravvivenza della Corte d’Appello di Caltanissetta” – continua il coordinatore del Pdl, Leanza. “La sua soppressione – aggiunge – causerebbe danni all’economia di tutta la provincia ennese, ma soprattutto alla sicurezza dei suoi abitanti”. “Pertanto – conclude – non possiamo arrenderci ne alla tanto discussa spending review, ne tantomeno ad alcuna imposizione non ragionata e calata dall’alto”.

comunicato stampa PdL on.Edoardo Leanza


news collegata:
Nicosia la soppressione del tribunale è sancita dalla legge

n.d.r.:
Così oggi il segretario regionale della CISL Bernava che punta dritto contro “una classe politica che, fin qui, non ha assunto come assolutamente prioritari i temi della recessione, con politiche dirette al superamento dei suoi nefasti effetti”. Questa classe politica è “destinata al fallimento”, incalza. E aggiunge: “Siamo preoccupati per la campagna elettorale meramente parolaia, a cui assistiamo: una fiera delle banalità che stride al cospetto della tensione sociale che sale, come riprovano le cronache di questi mesi”.