giovedì , Gennaio 21 2021

Visita istituzionale del vice presidente ARS a Calascibetta

Calascibetta. Né autista, né auto blu, pur avendone diritto. Antonio Venturino, vice presidente vicario dell’Assemblea Regionale Siciliana, arriva a Calascibetta, in veste istituzionale, alla guida della sua macchina, parcheggia lungo lo spazio delimitato dalle strisce blu, chiede di pagare il ticket e quando il comandante dei vigili urbani gli dice che non è il caso, Venturino ringrazia. All’Auditorium comunale, tema dell’incontro “Come cambia la Sicilia a meno di cinque mesi dalle elezioni regionali”, ad ascoltarlo ci sono gli attivisti del Movimento cinque stelle di Calascibetta, cittadini comuni, vecchi politicanti, ma anche chi in questi giorni non chiude occhio per studiare possibili accordi elettorali in vista delle Amministrative di maggio. Tutti si congratulano con il modo nuovo di fare politica del Movimento che si manifesta con la vicinanza ai cittadini. Lo spiega lo stesso Venturino quando dice: “Sono venuto in abbigliamento casual perché mi sento uno di voi”. A porgere i saluti al vice presidente dell’Ars anche il sindaco Piero Capizzi che dice: ”Da un lato il vostro modo di fare politica incuriosisce, dall’altro affascina”. Venturino parla a braccio per due ore, risponde alle domande dei cittadini, spiega perché il Movimento cinque Stelle si sente diverso dalla vecchia nomenclatura partitica. “Cinque Stelle nasce per dare voce ai cittadini e per garantire trasparenza all’interno delle istituzioni. Così abbiamo ritenuto giusto che ogni lunedì l’ufficio della vice presidenza dell’Ars sia aperto ai siciliani”. E la platea applaude. Venturino parla di beni culturali e turismo. “Il Movimento cinque Stelle – dice- ha chiesto la mappatura di tutti i siti siciliani al fine di realizzare un efficace percorso turistico che dovrà comprende monumenti e prodotti tipici della zona”. E sul lavoro afferma: “Abbiamo istituito tavoli tecnici per guidare quei giovani interessati al mercato imprenditoriale. Occorre anche dire che la Regione Siciliana non può più elargire contributi in grande quantità a fondo perduto. Verranno premiati quei progetti capaci di produrre lavoro e di far girare l’economia dell’Isola. Notizia ultima, riguardo la trasparenza nel lavoro politico, è quella che martedì prossimo (domani) ho chiesto che l’incontro in Commissione Bilancio venga trasmesso in streaming”. E alla nostra domanda su una possibile convergenza con il Partito democratico di Bersani, risponde: “Come si può fare un accordo con un partito dove ci sono politici vecchio stile come D’Alema che volevano fare subito l’inciucio con il Pdl? Avete inoltre sentito il Pd parlare di eliminare il finanziamento pubblico ai partiti? Io mi trovo a ricoprire una carica istituzionale dopo aver speso poche centinaia di euro per la mia campagna elettorale. Per ogni evenienza- ha concluso- siamo pronti a ritornare alle urne e se è il caso a governare il Paese”. Sabato sera, al termine dell’incontro, qualcuno ha detto: “Se fosse venuta qualsiasi altra carica istituzionale avremmo visto, auto blu, lampeggianti, scorte, traffico bloccato. Invece Venturino è arrivato alla guida della sua macchina e alla stessa maniera se né andato”. Come avviene nei civili Paesi del Nord Europa. Adesso, per gli attivisti del Cinque Stelle di Calascibetta inizia il conto alla rovescia, ovvero le consultazioni interne per decidere se presentare una propria lista in vista delle Amministrative di maggio.

A seguito di quanto sopra, il comandante dei Vigili urbani, Piera Dello Spedale Venti, precisa: “Pur avendo riservato il parcheggio all’On. Venturino, quale carica istituzionale, quest’ultimo ha preferito parcheggiare lungo le strisce blu pagando regolarmente il ticket previsto per legge. Poiché il dibattito si è protratto per oltre un’ora – continua il comandante dei Vigili – e l’On. Venturino voleva acquistare un’altro ticket, ho comunicato che non era il caso, in quanto mancavano pochi minuti alle 20,00, orario massimo previsto per l’uso a pagamento delle aree blu.
n.d.r.: La correttezza giornalistica impone questa precisazione, ma tutto ciò appare come il risultato dell’intervento di qualche politicante locale che si appresta, come da vecchio stile, a dar vita ad un’attività elettorale, in vista delle Amministrative di maggio, di basso profilo.

Francesco Librizzi