giovedì , Gennaio 28 2021

Assoro: mostra sulla produzione zolfifera

Ad Assoro, una mostra per rimembrare uno dei mestieri più diffusi e gravosi del secolo scorso: la produzione di zolfo. La mostra, allestita presso la sala consiliare del comune di Assoro, è stata inaugurata mercoledì 27 Marzo 2013 e si prolungherà per tutta la Settimana Santa dando così l’ opportunità di conoscere ed apprezzare la produzione zolfifera di Assoro del XIX e XX secolo, fonte di lavoro e vita per il 50% della popolazione locale e dei paesi limitrofi. I siti delle storiche miniere assorine, dove ogni anno venivano estratti centinaia di tonnellate di zolfo, erano quelli delle contrade Vodi, Zimbalio, Banbinello ,Giangagliano, Ogliastrello, Capobianco, Morticello, Sparacio, Rassuara, Pietramaggiore, Piliere e Donna Carlotta. Assoro, per la provincia di Enna, rappresentava una risorsa ricchissima di giacimenti di zolfo, la quale esportazione incrementò gran parte dello sviluppo economico e industriale di tutta la Sicilia e del Regno di Napoli. A testimonianza dell’ attività di estrazione, lavorazione ed esportazione del minerale giallo ma anche della fatica e dei sacrifici dei minatori, ci sono rimasti, oltre ai siti delle miniere, molti atti e documenti di vario genere, riproduzioni fotografiche, prodotti di zolfo, minerali gessosi e attrezzi del mestiere. Parte di questo materiale è conservato nell’ archivio storico comunale e negli archivi delle nobili famiglie dell’ epoca. Le nobili famiglie Alliata, Ayala, Valguarnera e Rosso erano i principali proprietari delle miniere assorine. Parte del materiale è stato offerto in esposizione da famiglie assorine che custodiscono ricordi di un duro lavoro e da Davide Pirrera Rosso di Cerami, discendente da una tra le più antiche e nobili famiglie di Enna nonché imparentato con la nobile famiglia assorina dei Valguarnera. La mostra, allestita alla sala consiliare di Assoro, potrà essere visitata dal 27 al 31 Marzo 2013 dalle ore 17:00 alle ore 21:00.

Marinella Calandra