martedì , Agosto 3 2021

Enna. Ritornano a lavorare i 1.880 forestali

Enna. I lavoratori forestali erano stati sospesi diverse settimana fa perché non c’erano soldi, una sospensione arrivata dopo appena quattro-cinque giorni di lavoro. Oggi i lavoratori forestali di tutte le fasce dovrebbero riprendere il loro lavoro perché sono arrivati i soldi per poter proseguire i lavori, nella speranza che tutti possano concludere le giornate di lavoro che gli spettano. Il dottor Nunzio Caruso, responsabile provinciale del settore, ha mantenuto la promessa fatto ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali ed ai lavoratori forestali, quando in più di mille si sono presentati davanti gli uffici provinciali di via Piazza Armerina. “Da questa mattina – ha dichiarato il dottor Nunzio Caruso – i lavoratori forestali ( circa 1880 ndr) possono recarsi nei cantieri di appartenenza per riprendere la loro attività lavorativa .I progetti presentati con la riduzione prevista, su segnalazione dell’organo regionale, sono stati finanziati e, quindi, sono arrivati i 12 milioni di euro che dovevano servire per consentire la ripresa del lavoro nei vari cantieri dei distretti forestali di Enna, Nicosia, Piazza Armerina dove sono stati inviati i lavoratori forestali”. Questi dodici milioni di euro dovrebbero consentire la ultimazione dei lavori previsti e nel contempo sono state pagate le spettanze arretrate di maggio e giugno, che avevano provocato la protesta di sindacati e di lavoratori forestali, che erano all’estremo sul piano finanziario, e con il morale sotto i tacchi. Il Dottor Caruso ha assicurato tutti, gli uffici hanno fatto un buon lavoro perché in pochi giorni sono riusciti ad elaborare i progetti che dovevano essere finanziati ed essere approvati dall’organo regionale, e, quindi, nella fase successiva, l’arrivo dei soldi che da una certa tranquillità ai lavoratori forestali.