mercoledì , Settembre 28 2022

Calascibetta, colpo di scena sull’approvazione del Bilancio 2013

Calascibetta.  Colpo di scena in aula consiliare nel momento in cui il Consesso civico xibetano si accingeva a discutere l’approvazione del Bilancio 2013, rinviata presumibilmente al prossimo 16 dicembre. Il motivo? Il regolamento comunale di contabilità dice che dal momento in cui viene trasmesso il bilancio di previsione i consiglieri comunali hanno quindici giorni di tempo per valutare l’operato dell’amministrazione comunale e se necessario presentare emendamenti. È accaduto che Laura Marsala, giovane consigliere d’opposizione del movimento “Calascibettattiva”, ha dichiarato di non aver avuto la documentazione cartacea, dunque non potendo visionare le carte del bilancio ha chiesto i quindici giorni utili per poterlo fare”. Una decisione che ha mandato su tutte le furie soprattutto l’assessore al Bilancio Salvatore Catalano che ha replicato duramente alla minoranza per non aver mantenuto l’accordo raggiunto la settimana scorsa. Di fatto diversi giorni fa il presidente del consiglio Maria Rita Speciale aveva tentato la carta della “responsabilità politica”, chiedendo all’opposizione di anticipare la seduta, visto i ritardi nell’approvare quest’anno lo strumento finanziario “causa – ha più volte ribadito l’amministrazione comunale – i mancati trasferimenti da parte sia dello Stato che della Regione Siciliana”. Un accordo che era stato raggiunto tra i capogruppo consiliari lo scorso 29 novembre. Per l’opposizione l’uomo del “dialogo” politico era stato il consigliere Salvatore Rosso, il quale, trattandosi di un argomento molto importante, si era prodigato con i suoi colleghi di “Calascibettattiva” per far svolgere la seduta giorno sei dicembre, ossia l’altro ieri. Un atto politico che era stato apprezzato anche dall’assessore al Bilancio Salvatore Catalano che si era anche complimentato con il consigliere Salvatore Rosso. Tutto sembrava andare per il giusto verso, ma durante la seduta consiliare ecco il colpo di scena, con Laura Marsala che spiega di non aver avuto la documentazione scritta e di aver diritto ai giorni utili per visionarla. L’assessore al Bilancio Salvatore Catalano, ascoltato ieri, telefonicamente, ha detto: “L’ostruzionismo che ha voluto fare una parte della minoranza non danneggia l’amministrazione comunale, bensì quelle persone che hanno svolto il ruolo di scrutatori e presidenti di seggio, durante le elezioni di giugno, e alcune famiglie meno abbienti, le quali potranno ricevere le spettanze solamente a gennaio del 2014”. Per saperne di più abbiamo cercato invano di contattare telefonicamente più volte il consigliere Laura Marsala. A parlare è stato invece il collega Salvatore Cacciato: “L’assessore al bilancio poteva essere più solerte nel predisporre lo strumento finanziario. Il consigliere Laura Marsala ha richiamato un preciso diritto di ciascun consigliere, quello di potere studiare la documentazione del Bilancio nei tempi previsti dal regolamento di contabilità comunale”.
Francesco Librizzi