martedì , Gennaio 19 2021

Pietraperzia. M5S: manca il censimento, alberi monumentali in grave pericolo

Tarda ad arrivare il decreto ministeriale per censire le grosse piante di pregio, previsto dalla Legge 10 del 2013 e le motoseghe rischiano di fare scempio ovunque, come in provincia di Enna, dove sono stati abbattuti 51 pini senza il parere del corpo forestale
Evasivo il ministro De Girolamo in risposta ad un’interrogazione della deputata alla Camera Cinquestelle

Manca il decreto ministeriale per il censimento degli alberi monumentali e le grosse piante di pregio sono a rischio abbattimento in tutto il territorio siciliano. L’atto che prevede la conta degli alberi più importanti per tutelarli meglio è previsto dalla legge 10 del 2013, ma finora non ha visto la luce. L’assenza del decreto ha favorito l’abbattimento di due filari di pini (51 alberi) a Pietraperzia, che non risultavano censiti “quali alberi monumentali o di particolari pregio paesaggistico ambientale”, come risulta dalla risposta – giudicata evasiva dal Movimento Cinque Stelle – data dal ministro delle politiche agricole, Nunzia De Girolamo, alla deputata Cinquestelle alla Camera, Claudia Mannino.

“Le prerogative del Parlamento – afferma Claudia Mannino – non vengono umiliate soltanto dagli inciuci tra Renzi e Berlusconi e dal reiterato ricorso alla decretazione d’urgenza e al voto di fiducia fatto dal governo Letta Alfano, ma anche dal modo vago e sommario con il quale viene data risposta agli atti di sindacato ispettivo. Il ministro De Girolamo ci dice che gli alberi di Pietraperzia potevano essere tagliati perché non sono stati censiti, e che non ci sono sanzioni da applicare all’amministrazione. Noi le diciamo che quegli alberi sono stati tagliati perché non è stato possibile censirli, in assenza del decreto che doveva essere adottato entro il termine previsto dalla legge 10 del 2013. Prima di rassegnare, come sarebbe doveroso, le proprie dimissioni, compia quanto la legge prescrive e adotti il decreto che consentirebbe di avviare, finalmente, il censimento degli alberi monumentali presenti nel nostro paese”.

Nella risposta a Claudia Mannino Il ministro dà notizie anche del decreto “che dovrà essere fatto di concerto con il ministero dei Beni culturali e del Turismo e il ministero dell’Ambiente e delle Tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza unificata, che è in corso di definizione”.