venerdì , Luglio 30 2021

Leonforte. L’Ospedale FBC manterrà il pronto soccorso e i reparti di medicina e chirurgia

sinatra ospedale leonforte (2)Leonforte. Si è riunita ieri mattina presso la sala consiliare di Leonforte, la VI Commissione parlamentare – Servizi Sociali e Sanitari  per discutere il seguente ordine del giorno : “”Esame delle problematiche afferenti i servizi ospedalieri e la rimodulazione della rete dei posti letto nella provincia di Enna”.

Erano presenti i Sindaci dei Comuni interessati: Francesco Sinatra(Leonforte), Giuseppe Bertini (Assoro), Armando Glorioso (Nissoria), Gaetano Giunta(Agira), Francesco Bivona (Regalbuto), Salvatore Zappulla (Gagliano Castelferrato); i Presidenti del consiglio Comunale e numerosi consiglieri  che hanno gremito la sala. Tutti rigorosamente in camice blu.

Ha aperto i lavori il Presidente della Commissione, il deputato regionale  Giuseppe Di Giacomo, che ha subito rassicurato i presenti “Siamo qua per la prima volta con l’Assessore  regionale e la commissione sanità. Stiamo  varando un piano di ristrutturazione ospedaliera in tutta la Sicilia e vogliamo discutere col popolo le nostre scelte”. E ha proseguito “Il reparto di chirurgia e medicina dell’Ospedale FBC non li tocca nessuno, e lo stesso il Pronto Soccorso. Ora bisogna studiare i contenuti necessari e che il sistema si completi e funzioni e che ogni ospedale abbia un proprio profilo”.

L’intervento del Sindaco Sinatra ha chiarito le motivazioni della protesta da addebitare al serio timore che in questi mesi vi sia stato un sempre maggiore disinteresse verso l’ospedale sino a paventarne la totale chiusura. “Vi chiedo, quali sono stati i segnali per cui non si voleva chiudere? Altra domanda, noi vogliamo sapere cosa rimane dentro l’ospedale. Nessuno oggi si può permettere di togliere il diritto alla salute a 50.000 cittadini che hanno bisogno del minor tempo possibile per essere soccorsi, la nostra non è una battaglia campanilistica, sia chiaro, non siamo contro nessuno. Ad oggi, nessuno deve più  venire a chiederci sacrifici”. L’intervento dell’On. Di Giacomo ha sgombrato ogni dubbio e possibili polemiche “L’ospedale non chiude ma si rilancia”.

Gli interventi degli altri Sindaci hanno comunemente ribadito l’importanza vitale di tutti e quattro gli ospedali della Provincia e  la centralità dell’FBC in quanto punto di primo soccorso per migliaia di cittadini.

Oltre ai primi cittadini sono intervenuti: il Presidente del Consiglio Comunale di Nicosia, Maria Di Costa; il Presidente del Consiglio Comunale di Leonforte, Floriana Romano; il Presidente dell’Organismo di studio e consultazione a difesa dell’FBC, Francesco Romano; il dott. Paolo Mineo che ha sottolineato l’importanza della Pediatria; il dott. Nino Muratore che ha espresso l’amarezza e le difficoltà che i medici devono talvolta affrontare in casi di tagli come questi. Hanno preso parola anche i deputati regionali: Mario Alloro, Stefano Zito,Pippo Gianni, Luisa Lantieri e Maria Greco.

sinatra ospedale leonforte

L’On. Di Giacomo, prima di passare la parola all’intervento conclusivo dell’ On. Assessore Lucia Borsellino, ha affermato “La battaglia la vincete perché siete riusciti a rimanere uniti e avete formulato proposte sensate a cui  si può dire sì. Quello di oggi è un patto a lunga scadenza con il popolo:  è cominciata un’epoca diversa, non più la sanità dei ragionieri ma   la sanità che cura

A chiusura del dibattito, l’Ass. Borsellino ha ribadito che non v’è alcuna intenzione di  disattivare le funzioni primarie dell’ospedale alle quali vengono anzi riconosciute piene legittimità e che l’aggregazione dello stesso con l’ospedale di Nicosia; insistenti sullo stesso distretto; risponde a una logica regolamentata dalla configurazione territoriale dei distretti a loro volta stabiliti per norma.

Al termine della seduta della IV Commissione  alla quale hanno assistito dinnanzi al Municipio migliaia di persone, numerosi gli studenti dei vari istituti scolastici locali;  il Sindaco Sinatra si è ritenuto soddisfatto “Le conclusioni sono positive, ci hanno rassicurato e hanno verbalizzato che rimane il Pronto Soccorso, la chirurgia e la medicina. Adesso si passa  ad un’ alta vigilanza nei confronti dell’operato dell’assessorato alla sanità e della direzione generale provinciale, quello che è stato detto deve corrispondere alla realtà”.

Intanto alle 10.30 riprenderà il Consiglio Comunale per discutere sui prossimi passi da fare a difesa dell’FBC.

 

Livia D’Alotto