giovedì , Maggio 6 2021

Aidone ha il suo nuovo sindaco

Aidone. VenereL’elezione è ormai archiviata, da oggi abbiamo un nuovo sindaco, è Vincenzo Lacchiana, più conosciuto come Enzo: auguri al sindaco, ad Aidone e agli aidonesi, a quelli che lo hanno scelto e anche a quelli che hanno fatto altre scelte. È il sindaco di tutti gli aidonesi e in questa sua veste gli ho consegnato il nostro programma, il programma mio e della lista civica “Noi Aidone”, che nasce dalle richieste della gente, non insegue utopie, né proposizioni ideologiche, ma si propone di rispondere ai bisogni dei singoli, della comunità, del patrimonio e del territorio di Aidone. Gentilmente Lacchiana è venuto nella sede del nostro comitato elettorale, a pochi metri dal suo, per congratularsi con noi, lo abbiamo accolto come il nostro sindaco promettendogli una opposizione leale e costruttiva ma vigile e attenta, come e meglio che in questi anni passati in cui i nostri consiglieri uscenti sono stati al fianco di quelli del PD all’opposizione, condividendo molte battaglie e permettendo, nonostante tutto e con grande senso di responsabilità, all’amministrazione uscente di continuare ad operare.
Questa ormai passata è stata una competizione combattuta all’ultimo “sangue”, ci sono stati molti momenti in cui ci si dava per vincenti, e allora, apriti cielo, tutto intorno a noi si è alzato un fuoco di sbarramento concentrico, siamo diventati il nemico da abbattere ad ogni costo! Fino all’ultimo abbiamo tenuto duro sui principi a cui ci eravamo ispirati: non ad ogni costo, nessuna cambiale in bianco, mantenere lo spirito della lista civica senza sigle, senza passerelle di vip in trasferta per le europee, fare conto sulle nostre risorse umane senza cercare sostegni esterni, investire sui nostri candidati e su tutti quelli che ci hanno sostenuto con entusiasmo, su quanti uomini, donne, giovani e giovanissimi siamo riusciti a coinvolgere e a fare sentire per una volta protagonisti. È stata un’esperienza di vita e di impegno civile che sicuramente farà crescere “politicamente” –nel senso nobile e letterale della parola- quanti ci hanno creduto e si sono spesi anche con il loro solo voto. Ci siamo difesi bene, non abbiamo vinto ma siamo arrivati secondi, con 143 voti di scarto, alla nostra lista vanno tutti i cinque seggi dell’opposizione. I candidati eletti nella nostra lista: Nunzio Ciantia, giovane consigliere uscente molto motivato e pieno di grinta, che ha conseguito il migliore risultato in assoluto, il primo degli eletti, come tale presiederà il primo consiglio comunale nel suo insediamento; Filippo Curia, il sindaco di tre legislature che ha voluto ancora una volta generosamente mettere la sua esperienza al servizio di Aidone; Katia Gangi, Maria Pina Pittà e Valentina Raccuglia la nutrita pattuglia di giovani donne che si sperimenterà all’opposizione. Nella maggioranza sono stati eletti cinque uomini e cinque donne tutti molto giovani, se si esclude il capolista, Chiarenza, risultato anche il primo degli eletti nella sua lista.
Quello che esce da queste elezioni è un Consiglio Comunale profondamente rinnovato, un’amministrazione altrettanto nuova, tranne per il sindaco, un uomo che ha speso tutta la sua vita per la politica e che più volte si era cimentato nelle tornate elettorali per inseguire il sogno di amministrare il nostro paese. Ci auguriamo tutti che questo suo desiderio, finalmente realizzato, sia ora indirizzato tutto al conseguimento del bene del paese; dovrà cimentarsi con problemi vecchi, alcuni annosi come quello della potabilità dell’acqua e della raccolta dei rifiuti, altri nuovi e contingenti relativi alle nuove povertà, all’aumento progressivo della popolazione di anziani, alla fuga continua di giovani costretti ad emigrare e dall’altra parte alla presenza massiccia di immigrati e richiedenti asilo, etc, etc, etc. Il suo programma elettorale, impostato in gran parte sulla realizzazione dei singoli progetti del Progetto Strategico per il Rientro della Venere d Morgantina PSVM 2009 -2011, redatto dalla Kore, dovrebbe far piovere su Aidone una montagna di soldi e rivoltare urbanisticamente come un calzino il paese. Tra poco, dalla formazione della Giunta e dall’elezione del Presidente del Consiglio Comunale, sapremo quali giochi di equilibrio Lacchiana saprà mettere in campo per armonizzare il contributo delle varie anime della coalizione in cui, oltre al PD, sono presenti l‘UDC, il Centro Democratico e il movimento civico “Per Aidone”. Auguri al nuovo sindaco!
Franca Ciantia