venerdì , Gennaio 22 2021

Catenanuova. Discresie tra assessori per la localizzazione del centro raccolta per la differenziata

centro differenziataCatenanuova. Il centro raccolta per la differenziata, da realizzare a Catenanuova, dapprima, localizzato in contrada “Censi”, accanto al Parco S.Prospero, ora si farà in contrada “Forca”, a sud dell’abitato. I vincoli ambientali riscontrati nel primo sito, avevano convinto l’assessore all’ambiente Antonio Guagliardo, che questa nuova zona si prestasse egregiamente alla nascita del centro e delle isole ecologiche, attrezzate con contenitori, dove differenziare vetro, alluminio, plastica, consentirne il recupero e quindi un abbassamento dei costi sulle bollette. In merito, l’assessore alla progettazione, Rosario Castiglione, aveva inviato una lettera all’ufficio tecnico, al segretario comunale, presidente consiglio comunale, Prospero Castiglione, al sindaco Biondi e Nucleo di valutazione, sollecitando gli organi in indirizzo ad attivarsi per la risoluzione del problema e quindi alla realizzazione dell’opera. “Per la nascita del nuovo sito – scrive Castiglione – l’assessore Antonio Guagliardo aveva garantito un iter amministrativo di breve durata per avviare la gara d’appalto, ma visto che a tutt’oggi, non si hanno notizie in merito, voglio ricordare che i ritardi nella realizzazione del sito potranno comportare un aumento delle tasse che la nostra amministrazione non vuole”. “Sicuramente un grido d’allarme sacrosanto ma ingiustificato, quello derivante dall’affermazione dell’assessore Castiglione poichè – ha affermato il responsabile dell’ambiente, Guagliardo – in tempi brevi, grazie all’impegno degli operatori dell’ufficio tecnico, è stato redatto un nuovo piano di studio progettuale riguardante il centro raccolta di contrada “Forca”, quando già era stato approntato un progetto riguardante “Zona Censi”, oramai superato. Il piano è già pronto e per indire una gara d’appalto dovrà essere sottoposto all’attenzione del consiglio comunale che sarà celebrato in tempi strettissimi. Abbiamo a disposizione 138 mila euro da dedicare al sito per la differenziata, per dare finalmente ordine a questo settore davvero importante nella vita della nostra comunità”.

Carmelo Di Marco





Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia