martedì , Settembre 21 2021

Trasparenza e facilità di accesso: solo 9 i Comuni dell’ennese promossi

Trasparenza e facilità di accessoIl decreto legislativo 33/2013 impone alle pubbliche amministrazioni trasparenza e facilità di accesso ai siti istituzionali da parte della comunità cittadina. Un riforma, quella voluta dal governo nazionale, valida anche e soprattutto per i Comuni al fine di promuovere il principio di legalità e la piena rendicontazione dell’azione amministrativa a collettività e portatori di interessi con modalità omogenee e semplificate. In questi mesi gli enti municipali si sono allineati alla riforma con risultanze alterne. Tuttavia in provincia di Enna non ci si può lamentare. A fine dicembre 2014, infatti, sono stati ben nove su venti i Comuni, promossi a pieni voti dal ministero per la Pubblica amministrazione e la semplificazione, poiché rispettosi di tutti e 66 requisiti previsti dalla “Bussola della Trasparenza” (piattaforma web www. magellano. it/bussola) creata dalla presidenza del Consiglio dei Ministri per verificare in tempo reale la trasparenza dei siti istituzionali. A fare bingo, e quindi rispettare i canoni di trasparenza e corretta informazione, sono stati i Comuni di Enna, Assoro, Troina, Gagliano, Nicosia, Calascibetta, Leonforte, Valguarnera e Regalbuto. Non hanno raggiunto il massimo del punteggio per un solo punto (65/66) i comuni di Piazza Armerina, Agira, Cerami, Nissoria e Centuripe; in tutti e cinque i comuni, secondo la Bussola della trasparenza, si è rilevata una mancanza nella sezione “Scadenzario dei nuovi obblighi amministrativi”. Ampiamente sopra la sufficienza, inoltre, il sito del Comune di Villarosa, con 58 requisiti coerenti su 66. Dove, invece, la Bussola della trasparenza ha rilevato pesanti criticità, bocciando di fatto i rispettivi siti istituzionali, sono i Comuni di Aidone (19 requisiti su 66), Pietraperzia (13 requisiti su 66). La maglia nera invece spetta ai comuni di Barrafranca, che ha risposto ad una sola sezione su 66, ed ai comuni Sperlinga e Catenanuova che non hanno rispettato la totalità dei requisiti della trasparenza. Nella “Bussola della trasparenza” oltre ai siti dei comuni è possibile consultare altri enti pubblici dell’ennese, come ad esempio: l’Iacp, l’Asp, la Provincia (tutti in regola con l’indicatore della trasparenza), la Camera di commercio che ha risposto a un solo requisito su 66; le scuole di cui su sei esaminate in provincia di Enna solo due soddisfano l’indicatore (l’Istituto comprensivo “Vincenzo De Simone” di Villarosa e il Liceo scientifico “Pietro Farinato” di Enna).

Giacomo Lisacchi per il quotidiano La Sicilia