lunedì , Marzo 8 2021

Si allontana per i forestali il percorso verso la stabilità occupazionale, proteste della UGL

Aidone forestali CittadellaPare allontanarsi per i lavoratori forestali il percorso verso la stabilità occupazionale dopo decenni di precariato. Prepensionamento, riduzione del personale addetti al servizio antincendio boschivo, tagli su rimborso chilometrico, blocco del turnover e tetto massimo sulla dichiarazione Isee. Sono alcune delle diposizioni contenute nella proposta di legge governativa. Pronta, quindi, ad abbattersi la scure sul comparto forestale in Sicilia. “Forse, il Governo regionale di Rosario Crocetta e del suo assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei, vogliono cancellare il comparto forestale?” Si chiede il segretario regionale –agricoli- forestali UGL Franco Arena. “Le norme contenute nel disegno di legge non sono ricevibili – afferma Arena- e penalizzano oltremisura i lavoratori forestali”. Solo in provincia di Enna gli addetti all’antincendio sono circa 800. Ugl Agroforestali Sicilia tornerà a manifestare, scendendo in piazza, in occasione del voto in aula a Sala d’Ercole, e invita i gruppi parlamentari a presentare emendamenti al fine di modificare la proposta che mortifica il comparto ed i lavoratori, provocando conseguenze non calcolabili sul versante della salvaguardia dell’ambiente e del territorio, duramente provato pure dall’eccezionale pioggia delle scorse settimane.“Invitiamo – conclude Arena – tutte le altre organizzazioni sindacali all’unita nel contrastare la decisione politica del Governo regionale che costituisce una ingiustizia senza precedenti”. In effetti, il disegno di legge che il Governo Crocetta ha sottoposto lo scorso 25 febbraio, alle organizzazioni sindacali, contiene norme per il contenimento dei costi che penalizzeranno pesantemente i lavoratori. La bozza del disegno di legge di iniziativa governativa, che, a breve, dovrà passare al vaglio della Commissione Bilancio e Finanza all’Ars- secondo quanto accusano tutti i i sindacati- conferma per il comparto forestale tutti i tagli già comunicati con la bozza precedente del 27 gennaio scorso. In essa è previsto il prepensionamento per i lavoratori che hanno compiuto il 63° anno di età nel triennio 2015/2017, con un sussidio di accompagnamento alla pensione, di importo lordo, rapportato alla paga giornaliera base calcolata sull’ultima retribuzione percepita, al netto di tutte le indennità e degli oneri contributivi a carico del lavoratore, per il numero di giornate del contingente di appartenenza. È contemplato anche il blocco del turnover dei forestali per cui non sarà possibile provvedere alla sostituzione dei posti rimasti vacanti. Il disegno di legge contiene anche la riduzione del 20% del personale addetti al servizio di prevenzione incendi a partire dal biennio 2015/2017 e l’applicazione dei criteri previsti dall’articolo 49 della legge regionale dell’aprile 1996 nella stesura della graduatoria unica del personale forestale per l’anno 2015. Inoltre, nella proposta di legge è disposto che la riduzione del rimborso chilometrico non potrà superare i complessivi 15 chilometri. Ed ancora, la dichiarazione del reddito Isee non potrà superare 60 mila euro.

Rino Caltagirone