sabato , Aprile 17 2021

Nicosia, salvo il finanziamento per la realizzazione del Centro diurno nell’ex mattatoio comunale

comune nicosiaNicosia. Salvo il finanziamento per la realizzazione del Centro diurno nell’ex mattatoio comunale. Si è a lungo temuto che i fondi finanziati con il Pist, potessero andare perduti per i ritardi che hanno caratterizzato l’iter burocratico di questo progetto, ma adesso i lavori sono iniziati e stanno procedendo celermente. L’appalto era stata aggiudicato lo scorso novembre alla “C. S. Costruzioni Srl” di Santa Venerina, con un ribasso del 34,58% su una base d’asta di 595 mila euro. La giunta Malfitano, considerato il rischio di revoca del finanziamento, nel bando di gara aveva modificato da 8 mesi e 6 mesi i termini per la realizzazione dei lavori, con la finalità di rispettare le scadenze fissate. Tecnicamente, quindi i lavori dovrebbero essere ultimati entro luglio prossimo. L’Orto delle idee è un progetto di rilevanza sociale, perché punta a creare un luogo di aggregazione nella forma del “centro diurno” per i disabili con patologie psichiatriche o invalidanti delle capacità cognitive. Il Centro è “sovracomunale”, destinato anche all’utenza dei Comuni vicini, che potranno avere a disposizione laboratori destinati ad attività per i diversamente abili. I fondi sono finanziati con i Pist, per la ristrutturazione dell’ex mattatoio comunale. Il progetto, quindi, oltre alla valenza sociale, permette anche di recuperare un immobile comunale destinato al degrado. L’ex macello è chiuso da una decina di anni, da quando, cioè, è entrata in vigore la normativa europea che ha imposto parametri ai quale il mattatoio non rispondeva più. La sua trasformazione in centro per le attività dei disabili fisici e psichici mirate a favorirne la socializzazione a svilupparne le abilità manuali e creative e a aumentare la loro autonomia. L’assessorato regionale per la Famiglia ha finanziato il progetto ritenuto di “valenza sociale e culturale”, requisiti alla base della “finanziabilità” con i fondi europei concessi alla Regione. L’ex mattatoio era stato chiuso anche perché sorgeva nel centro urbano, aspetto che, se lo ha reso inidonea alla sua funzione originaria, è un vantaggio per un centro diurno destinato ai disabili. Si tratta di un grande immobile che per anni ha anche ospitato il Servizio veterinario dell’Asp ma che oggi è chiuso ed inutilizzato.




GIULIA MARTORANA PER IL QUOTIDIANO LA SICILIA