martedì , Gennaio 19 2021

Svincolo di Ferrarelle, sindaco Villarosa sollecita Protezione Civile e Anas

Area Ferrarelle A19 svincoloSui lavori urgenti allo svincolo Ferrarelle, che andrebbe a risolvere molti ed importanti problemi di viabilità ai cittadini di Villarosa ed altri di Enna, Caltanissetta e Palermo, il sindaco di Villarosa, Franco Costanza, ha inviato un sollecito urgente sia al Dipartimento della Protezione Civile regionale sia all’Anas regionale. Il sindaco Costanza a Protezione Civile ed all’Anas “sollecita urgente intervento sullo svincolo di Ferrarelle per cercare di renderlo transitabile ai mezzi perché la situazione della viabilità nel territorio è seriamente compromessa, dopo la chiusura dello svincolo Cinque Archi, avvenuta il 19 marzo scorso. Inoltre a seguito della chiusura della statale 290 (Calascibetta) per il crollo di massi dalla parete rocciosa tutti mezzi pesanti, provenienti da Nicosia, Villadoro, Cacchiamo, Alimena transita sul tratto della statale 121 che è rimasta l’unica via di fuga in caso di calamità”. L’apertura dello svincolo di Ferrarelle (lungo circa 900 metri) potrebbe essere l’unica soluzione valida per migliorare la viabilità di Villarosa e gli altri comuni, anzi la sua funzionalità consentirebbe il cambio di corsia in caso di incidente o di interventi delle forze dell’ordine. Sostanzialmente, come ha confermato l’ingegnere Giuseppe Clemente, responsabile provinciale Anas, questìultima è pronta ad effettuare tutta la segnaletica orizzontale e verticale, la sistemazione dei gard-rail, solo che sono necessari 370 mila euro, una somma di pronta urgenza, che consentirebbe la bitumazione della sede stradale, necessaria per consentire la transitabilità di tutti i mezzi, anche quelli pesanti, e potrebbe risultare utile anche per Enna perché più vicino alla zona sud-ovest della città. La Protezione Civile è quella che dovrebbe muoversi per accelerare l’intervento che potrebbe risolversi in un paio di settimane andando a risolvere i problemi della viabilità provinciale.




Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia