lunedì , Gennaio 18 2021

Gagliano: presentato ai fedeli il fercolo del patrono San Cataldo

Statua San Cataldo2Gagliano. Oggi sarà esposto e presentato ai fedeli il fercolo cinquecentesco del patrono San Cataldo. Dopo tanti anni lo si vedrà nuovamente portare a spalla dai devoti, durante la processione del 31 agosto. Oggi, alle 18,30, lo storico Paolo Giansiracusa, dell’Accademia di Belle Arti di Siracusa, presenterà l’antico fercolo alla cittadinanza in chiesa madre, spiegandone origini e storia.
Negli ultimi anni è stato portato in processione un fercolo più moderno, realizzato nei primi anni Settanta (1972). Entrambi sono in legno. Il più antico, dorato, presenta degli angeli che fanno capolino all’interno della cupola. Fu portato a spalla dal sedicesimo secolo, fino agli anni ’60 del Novecento. Negli anni successivi, fino ai primi anni duemila, fu condotto a bordo di un’automobile. Poi la decisione di sostituire la vara antica con quella di più recente realizzazione. Ultimamente si è manifestato un nuovo fervore tra i devoti, che hanno deciso di riprendere la vecchia tradizione e portare a spalla il loro imponente santo protettore, con grande fatica e sudore, soprattutto nella corsa stremante lungo la ripidissima salita di via Galleria, che conduce in chiesa madre. Quest’anno si verificherà un ritorno al passato, ai tempi in cui veniva condotto a spalla il fercolo del 1579 con la statua del 1578.
Oggi tutte le delucidazioni verranno date in chiesa dall’esperto, prima della messa.
Martedì scorso, invece, sono state consegnate alla delegazione di devoti che porteranno il santo, le tuniche e la campana del 1658. Quest’ultima viene suonata durante la processione in fase di partenza.
Domani, durante la celebrazione delle 19, tutte le categorie professionali offriranno l’olio per la lampada che illuminerà giorno e notte la cappella del patrono. La lampada verrà accesa dalla donna più anziana del paese, di cento anni, insieme ai genitori dell’ultimo bambino nato.

Valentina La Ferrera





Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia