giovedì , Maggio 6 2021

Aidone. 68 operai forastali sabisti impegnati per otto giorni in attività comunali

aidone forestali alla villaAidone. Sono stati avviati per otto giornate lavorative su richiesta del Comune di Aidone. 68 operai della forestale del Servizio antincendio boschivo (Sab) hanno svolto svariate e importantissime attività utili al territorio e alla collettività. Venti sabisti sono stati dislocati alla villa comunale ed hanno effettuato attività di Protezione civile con interventi di ripulitura del costone dalle erbacce, potatura alberi, piantumazione, ripulendo le cunette per far defluire l’acqua. Altri 20 sono stati impegnati nella zona del Castellaccio sempre in attività di piantumazione alberi, pulitura dei viali per lo smaltimento delle acque bianche ed evitare così problemi alla viabilità; quindici invece sono stati adoperati il contrada Canalotto per ripulire il costone dalle piante infestanti, da macchie di rovi. Infine, altri tredici, utilizzati in contrada Botte e al cimitero. I lavori sono stati svolti in collaborazione con l’Ufficio tecnico comunale, il responsabile di Protezione civile Lorenzo Calcagno e l’amministrazione comunale. Affermano i forestali:”Dovremmo essere impegnati in questi tipi di lavori sempre più spesso per far cambiare l’idea all’opinione pubblica che di noi pensa tutto quello che non dovrebbe pensare”. Il 15 ottobre scorso si è chiuso il Servizio antincendio boschivo e tanto è stato il personale che non ha potuto completare le giornate lavorative di garanzia. L’80% ha chiuso con 78 giorni e il rimanente 20% allo stato attuale con appena 47 giornate a fronte di un numero di giornate di 101 giorni da completare entro il 31 dicembre prossimo. Il ricorso al loro impiego in lavori comunali di pochi giorni (otto giorni) è sicuramente un contributo per aumentare il numero dei giorni lavorati ma purtroppo ancora non bastano. La Regione siciliana proprio in queste ore è impegnata a reperire i fondi necessari per consentirne il completamento. Per questo motivo gli operai restano in uno stato di agitazione fino a quando non avranno certezze sull’ultimazione delle giornate lavorative.

Angela Rita Palermo





Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia