mercoledì , Gennaio 20 2021

“Libero Consorzio ennese”. Elio Galvagno: candidiamoci tutti in segno di protesta

Liberi ConsorziElio Galvagno, sindaco di Centuripe, lancia un appello ai colleghi sindaci invitandoli a “candidarsi tutti in segno di protesta”, come hanno già fatto a Caltanissetta e Palermo e come si preparano a fare in altre province, “per denunciare quella che si profila come una vera e propria “emergenza politico -istituzionale”.

“Mentre la Sicilia si sta letteralmente sgretolando e noi sindaci ci confrontiamo quotidianamente con emergenze continue, la politica siciliana continua ad appassionarsi a rimpasti e assessorati, segnando sempre di più una distanza profonda con i problemi veri dei siciliani.

La vicenda dei Liberi Consorzi è emblematica dell’inadeguatezza di questo Governo regionale. Lanciata da Crocetta come la madre di tutte le riforme, si è trasformata nel simbolo del fallimento politico del Governo, o, meglio, “dei” Governi Crocetta, assumendo contorni che definirei kafkiani e paradossali.

sindaco centuripe Elio GalvagnoDopo l’impugnativa del Governo nazionale e mentre si attende che l’ennesimo nuovo testo esitato dalla Commissione Affari istituzionali venga approvato dall’Ars, non è stata ancora rinviata la data delle elezioni e gli Uffici elettorali già insediati, con spreco di tempo e di denaro pubblico, sono pronti a raccogliere le candidature a Presidente del Libero Consorzio, la cui presentazione scade lunedì prossimo.

“Candidatura ad un’elezione – dice Elio Galvagno – che non si svolgerà mai e che sarà per l’ennesima volta rinviata, lasciando ancora i territori provinciali senza governo.
“Per questo – conclude il Sindaco di Centuripe – propongo ai colleghi sindaci di candidarci collettivamente in segno di protesta, contro questa ennesima farsa che penalizza agli occhi dell’opinione pubblica l’autorevolezza di tutte le Istituzioni, dando così un forte segno di compattezza del nostro territorio, che da alcuni anni è completamente abbandonato dalle Istituzioni nazionali e regionali”.