domenica , Gennaio 24 2021

Troina, conferenza della prof.ssa Sara Gentile su populismi e crisi delle democrazie

Troina. Sabato, 15 settembre 2018, ore 18.00, Torre Capitania, la prof.ssa Sara Gentile terrà la conferenza sul tema: “Crisi delle democrazie e sfide dei populismi in Europa” su invito dl comune. Sara Gentile è docente di Scienza politica e Analisi del linguaggio politico al Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Catania. E’ professeur invité al Centre de recherches politiques de Sciences Po” (Cevipof) di Parigi. Collabora alla Linea di Ricerca sull’Innovazione politica promossa dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli nell’ambito della quale si occupa delle nuove forme di populismo e della crisi della forma democratica. Su questi temi ha scritto e pubblicato dei libri nei quali sono raccolti i risultati delle sue ricerche: “Il populismo nelle democrazie contemporanee. Il caso del Front Nationale di Jean Marie Le Pen”, “Populismi e istituzioni: la presidenza Sarkozy”, “Capo carismatico e democrazia: il caso De Gaulle” e “Populismi contemporanei XIX-XXI secolo”. E’ un tema di attualità quello di parlerà Sara Gentile a Troina. L’irruzione dei movimenti populisti negli anni della crisi iniziata nel 2008, e non ancora conclusa, che sta investendo i paesi del mondo occidentale, ha ristrutturato lo spazio politico in profondità. Per leggere i conflitti politici in corso non basta più da sola la tradizionale dicotomia destra e sinistra. Di populismi ce ne sono sostanzialmente due, uno di sinistra e l’altro di destra, che, pur avendo alcuni tratti in comune (contrapposizione del popolo ad una ristretta élite, preferenza della democrazia diretta, leadership carismatico-autoritaria, avversione alla globalizzazione e alle autorità sovranazionali), si differenziano per altri aspetti. Nel populismo di sinistra è prevalente la critica alle politiche di austerità che le autorità europee hanno imposto ai paesi indebitati d’Europa. I populismi di destra sono fortemente identitari e si distinguono per l’atteggiamento nazionalistico ostile verso l’immigrazione. Sullo scenario politico ci sono anche le tradizionali formazioni di destra liberale e di sinistra riformista che, in opposizione ai movimenti populisti di destra e di sinistra, spesso si trovano in sintonia in governi di coalizione in funzione della comune accettazione del mercato e delle sue regole e della globalizzazione.

Silvano Privitera