giovedì , Gennaio 28 2021

Valguarnera L’Altra Voce reitera richiesta a sindaco che venga diminuita l’addizionale Irpef, l’Imu e la tassa sui rifiuti

Valguarnera. Ancora in alto mare l’approvazione del bilancio di previsione 2019/2021 e del Dup, tanto da indurre il sindaco Draià a scrivere al Presidente del Consiglio e a tutti i consiglieri comunali richiamandoli a formulare proposte da valutare preventivamente per la predisposizione dello schema di bilancio. Ma l’Altra Voce – attraverso una nota- non comprende il senso della missiva del sindaco, se non quello di tentare a giustificare il ritardo rispetto ai tempi previsti per l’approvazione, tanto che, attraverso una nota di rimando al sindaco, scrive pure al collegio dei revisori, al responsabile del settore economico e al presidente del consiglio, affermando:“Appare strumentale la sua richiesta di suggerimenti se non si conoscono i dati relativi alle risorse finanziarie assegnate, impegnate e disponibili per poter effettuare delle proposte operative. Noi abbiamo sempre richiesto che nella predisposizione del Bilancio si tenga conto della riduzione dell’Irpef, dell’Imu e della tassa sui rifiuti, considerato che i costi, avviata la differenziata e ridotte le spese di trasferimento alla pubblica discarica, debbano per forza di cosa essere diminuiti rispetto a quelli del 2018”. Inoltre il gruppo di opposizione chiede che venga predisposto un piano di rientro che consenta di non utilizzare ancora anticipazioni di cassa e quindi ridurre il costo degli interessi passivi per i quali si è già pagato oltre 200 mila euro, notizie sui dati relativi al contenzioso, sull’ammontare del fondo per i crediti dubbi e sui debiti fuori bilancio che sarebbero stati arbitrariamente deliberati dalla Giunta senza essere sottoposti alla valutazione del Consiglio. L’Altra Voce chiede ancora al sindaco e agli altri destinatari della lettera se si è adempiuto a quanto deliberato dal Consiglio in sede di approvazione del Dup 2018/2020, in ordine al contenimento della spesa e alla momentanea riduzione /sospensione delle indennità agli amministratori e al segretario comunale e a coloro che occupano posti apicali. Un altro capitolo dedicato è quello relativo agli atti deliberati dall’amministrazione comunale sui quali è stato espresso giudizio di legittimità da parte dei funzionari. Su questi, secondo il gruppo di opposizione, non pare esserci coerenza con gli atti di programmazione deliberati dal Consiglio. Per tutto ciò L’Altra Voce chiede che venga predisposto immediatamente lo schema di bilancio e sottoposto in via preventiva alla loro valutazione per poter formulare concrete proposte.

Rino Caltagirone