mercoledì , Gennaio 20 2021

Piazza Armerina. Sviluppi nella vicenda delle polveri sottili alla Villa Romana. Udienza preliminare per nove persone

“Apprendiamo la notizia che giorno 5 novembre parte il processo davanti al Giudice per le indagini preliminari sui presunti responsabili dell’attuale stato di degrado igienico-sanitario, in cui versa l’area parcheggio e commercio della Villa Romana del Casale. Un progetto PIT costato circa 8 milioni di euro. C’è un dato che salta subito all’evidenza, nonostante i proclami ufficiali, fatti dall’attuale sindaco di Piazza Armerina di progettualità (tra l’altro non di suo merito bensì della provincia) e soluzioni attuate, permangono le condizioni di inagibilità denunciate dagli esercenti, i quali giorno 5 novembre si costituiranno parte civile.

Infatti le polveri sottili continuano a minare non solamente la salute di coloro che permangono e lavorano quotidianamente in quell’area, ma presumibilmente stanno recando un grave danno ai pavimenti musivi della Villa stessa. Mi stupisco come ad’oggi i funzionari preposti non abbiano predisposto con gli strumenti adeguati e di competenza della Regione una verifica e diagnosi dell’attuale stato dei marmi policromi che si estendono per 3500 mq, le polveri si insinuano ogni giorno fin lì, specie nei giorni di forte vento la cui traiettoria va spesso da nord a sud, ovvero dall’area parcheggio/commercio verso la Villa Romana, che dista qualche centinaio di mt in linea d’aria. Mi stranizza come in tutto questo tempo non sia sfiorato minimamente il dubbio a nessuno degli addetti ai lavori sul potere altamente corrosivo di queste polveri sottili, costituite da silicati e carbonati, in una zona archeologicamente “fragile” dove i pavimenti esposti agli agenti atmosferici già denunciano un grave intaccamento alla patina. Consideriamo che gli eventuali danni biologici alle persone si vedranno nel tempo, negli anni, ma una diagnosi dello stato dei pavimenti e dei marmi policromi può mostrare sin da subito i risultati dell’azione corrosiva delle polveri tutt’oggi presenti nella zona. A nulla è valso l’intervento tampone predisposto dall’attuale amministrazione nel periodo primaverile, allorchè si è proceduto a “raschiare” il manto stradale per raccogliere tutto il cemento impoverito sbriciolato, perché dopo qualche settimana tutto è tornato lentamente come prima, e al primo vento è ricominciato il problema. In questa vicenda giudiziaria manca all’appello ancora qualcuno, colui che in questi mesi ha fatto credere di essere stato parte diligente e responsabile ma che di fatto alla data odierna è responsabile tanto quanto gli altri, se non di più.

Giuseppe Mattia
Sulla faccenda delle polveri sottili, ricordo bene come il sottoscritto in qualità di assessore e vicesindaco, più volte ho tentato di affrontare e risolvere la problematica, ma sono stato sempre stoppato dell’allora sindaco Miroddi con cambi di deleghe, con pretesti labili e confusi, rilevando da parte sua una chiara volontà di non affrontare la questione. Lo stesso dicasi per l’ex assessore Alessia Di Giorgio, a sua volta, fermata dal sindaco Miroddi nella volontà di procedere, in sinergia con le associazioni di categoria, a una chiusura dell’area e alla sistemazione temporanea dei parcheggi e delle rivendite nelle immediate adiacenze. Appariva inequivocabile, da parte dell’ex sindaco, una chiara volontà di omissione nell’adottare atti amministrativi necessari e doverosi per ragioni di igiene e sanità pubblica. Atti che dovevano essere adottati senza alcun ritardo e che anche oggi dovrebbero essere posti in essere dall’attuale amministrazione che ormai temporeggia da più di un anno e mezzo, rendendosi complice di questo stato di cose. Informo che su questa vicenda Patto per la Città veglierà costantemente sollecitando gli organi di giustizia a tutela della salute pubblica, ma soprattutto degli esercenti che lavorano mettendo a rischio la propria vita ogni giorno in un’area commerciale “povera”, disagiata e depotenziata in tutti i suoi aspetti.

nota stampa di Giuseppe Mattia

nelle foto:

piazzale area commerciale Villa Romana by giornaleagora.it
Giuseppe Mattia ex vice sindaco al Comune di Piazza Armerina nella precedente amministrazione