giovedì , Febbraio 25 2021

Valguarnera: l’ex assessore Platania esautorato assieme al resto della Giunta esclude categoricamente ritorno alla casa madre

Valguarnera. Enrico Platania, uno degli assessori esautorati dalla sindaca Draià lo scorso dicembre, dopo quasi due mesi rompe il silenzio e si dichiara amareggiato per quanto avvenuto e per le conseguenze che ne potranno derivare. L’ex assessore infatti non l’ha presa bene, come non l’hanno presa bene altri tre consiglieri di maggioranza che successivamente si sono dissociati dalla scelta del sindaco, dando vita ad un movimento autonomo: “Valguarnera Bene Comune” e prendendo quindi le distanze dall’attuale compagine amministrativa. Si tratta, come è noto  del medico Stefano Bentivegna, di Filippo Roccazzella diventato capogruppo del nuovo movimento e l’ex assessore Santo Indovino ed Enrico Platania. Ad onor del vero, tra questi dissenzienti c’era una quarta consigliera nonché assessore Sara Pecora, tornata un mese dopo nella casa madre dopo alcune rassicurazioni ricevute. “Non sono arrabbiato e deluso ma senza dubbio amareggiato e preoccupato – inizia così la nota di Enrico Platania – non abbiamo mai pensato di essere intoccabili, anzi siamo convinti che chi arriverà dopo di noi, possa essere più bravo e competente. Ma sicuramente non era questo il metodo che ci saremmo aspettati”. E a tre mesi dalle elezioni amministrative, l’ex assessore fa una disamina politica: “Azzerare una Giunta negli ultimi mesi di mandato significa ricominciare tutta daccapo e non dare quella continuità di governo indispensabile per i cittadini. Ed è per questo che mi sento preoccupato, per come si metteranno le cose al Comune e in Consiglio Comunale dopo quest’episodio. Con questo non vogliamo dichiarare guerra a nessuno – aggiunge – torneremo alle nostre professioni e alla nostra vita esattamente come prima, però rimangano molte perplessità per l’atteggiamento assunto dalla sindaca Draià, che ha cambiato le cose in corso d’opera e senza nemmeno essere interpellati. In ogni caso – conclude – lavoreremo sempre per la comunità e per i migliori progetti messi in campo”. Ma se l’esperienza con l’amministrazione attuale sembra definitivamente chiusa, a meno di colpi di scena dell’ultimo minuto, ma appare inverosimile dopo le dichiarazioni di Platania, non si esclude tuttavia che per le prossime elezioni vogliono dire anche la loro, considerato che “lavoreranno per i migliori progetti messi in campo”. In ogni caso, a precisa domanda, Platania, per quel che lo riguarda esclude categoricamente un ritorno alla casa madre, ma non esclude che il gruppo stia lavorando a qualcosa di diverso. “A giorni – ha fatto sapere – saremo più precisi”.

Rino Caltasgirone