giovedì , Gennaio 28 2021

Ad Enna la più giovane direttrice di Poste della provincia

La media nazionale vede le donne ancora un passo indietro rispetto agli uomini a livello occupazionale e salariale, ma esistono delle eccezioni a questa tendenza. In Poste Italiane la metà dei dipendenti è composta da donne. Ancora più alta è la percentuale di donne che dirigono gli uffici postali del Paese, il 59%. Preparate, determinate e sempre più spesso giovanissime, come Anna Rosa Cremona che, a soli 30 anni (appena compiuti), è la più giovane direttrice di tutta la provincia di Enna. Sembra aver bruciato le tappe in azienda, ma la determinazione che traspare da ogni sua parola giustifica un percorso in Poste iniziato a soli 20 anni e sempre in crescita. Dopo un esame a Roma, ha iniziato a lavorare come operatore di sportello a Leonforte, la sua città. Fin da subito ha avuto una gran voglia di imparare e mettersi in gioco in nuove mansioni. Dopo 1 anno allo sportello, sono iniziate per lei nuove sfide in diversi ruoli aziendali e continui gli spostamenti, a Nicosia e a Ragusa. Nel 2016, a soli 26 anni, è diventata direttrice dell’ufficio postale di Assoro. L’anno seguente ha raggiunto anche il traguardo della laurea ed è passata a dirigere prima la sede di Enna Bassa e poi l’ufficio di Enna Centro, dove oggi coordina una squadra composta da 13 colleghi. “Ci troviamo nella zona storica dove la clientela in prevalenza è composta da gente anziana – spiega la direttrice. Qui cortesia e disponibilità sono la vera marcia in più, non importa l’età quando si è pronti ad ascoltare le persone. Spesso alla richiesta ‘Mi chiami il direttore’ segue un’espressione di smarrimento al mio arrivo da parte dei clienti – racconta divertita”. Lo staff dell’ufficio postale è in prevalenza composto da colleghi più maturi, ma “la differenza di età non conta – prosegue -, serve solo tanta collaborazione”. Quella dell’ufficio postale di Enna Centro è una squadra che non ha mai smesso di garantire i servizi per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria. “Abbiamo continuato a lavorare in sicurezza grazie alle protezioni fornite dall’azienda – racconta la direttrice”. Oggi ad Enna Alta la gente ha imparato a convivere con la presenza del virus: “Durante i giorni di pagamento anticipato delle pensioni – continua – l’affluenza è distribuita su diverse giornate, merito dei nostri clienti che hanno rispettato le indicazioni sui turni e in questi mesi si sono avvicinati anche ai servizi digitali”.

Valentina La Ferrera