martedì , Aprile 13 2021

Comune Piazza Armerina. Approvato aumento ore personale, Pef e ipotesi di bilancio

Lungo, bizzarro, colorato e teatrale, il consiglio comunale dello scorso 24 c.m del palazzo di Città di Piazza Armerina. I punti all’ordine del giorno, il piano economico finanziario e l’ipotesi di bilancio. Il piano economico finanziario, era già stato bocciato in un precedente consiglio in virtù di un documento presentato dall’opposizione che ne rilevava diverse incongruenze. Lo stesso, senza alcuna modifica del contenuto ma solo l’integrazione dei pareri-relazioni da parte dei funzionari, pur sollevando al segretario che un atto bocciato per il contenuto non potrebbe essere riproposto in Consiglio senza le dovute modifiche è oggetto di una seconda richiesta di approvazione in consiglio. Il segretario generale, ha infatti dichiarato: “tutto apposto, si… può…fare”, e così fu. Il consiglio, apre con la dichiarazione dei tre consiglieri di FdI che si dichiarano di opposizione sostenendo di decidere di volta in volta per il bene dei cittadini piazzesi, quindi secondo “coscienza, conoscenza e convenienza”… sempre per i cittadini. Si passa al secondo punto, ipotesi di bilancio, alla quale viene presentata da alcuni consiglieri di opposizione, un emendamento relativo all’aumento delle ore del personale a 18, 24 e 28 ore. Lodevole iniziativa che subisce una frenata dai tre pareri “non favorevoli”, finanziario, personale e revisori”. Prima, sarebbe opportuno inviare al ministero l’ipotesi di bilancio attendere eventuale approvazione, bocciatura o richiesta di modifica, e solo successivamente emendare. Da parte dell’amministrazione c’è un’apertura a 360 gradi, non potendo sostenere il primo emendamento, ne richiede una modifica, concordata modifica è pronto un sub emendamento. Anche quest’ultimo subisce “un arresto calcolatorio”, sembrerebbe non essere disponibile la somma richiesta per aumento ore. Pronto il piano b, un emendamento che emendamento non è, da parte dell’amministrazione, “si può fare”, ci sono € 227.000, risparmi grazie ai pensionamenti 2020, in seguito ci saranno quelli in corso e presunti del 2021, 2022, insomma fino ad arrivare al triennio. Per ora, dichiara l’amministrazione, abbiamo certezza della somma, successivamente vaglieremo e studieremo la distribuzione necessaria all’aumento delle ore, tutto ciò entro “tre anni” …tre, three, trois, drei, tres, thlath… e sempre che non ci siano eventi nuovi d’ogni genere. Si finisce con l’approvazione non di un emendamento, bensì un atto di indirizzo che viene firmato da tutti i consiglieri presenti in aula, tredici su sedici, con il quale si chiede l’aumento delle ore da 18 a 24 e da 24 a 28, il resto “mancia” equamente distribuito. Prima di passare al voto sull’ipotesi di bilancio, brevi break con flashback, analessi in italiano, alcuni di base “ipnotica” altri da riportare gli spettatori al periodo “paleolitico”. Si passa infatti, dal pronunciare uno specifico termine ” mani”, ” voi ce ne mettete una noi due mani”, che però finisce con il trasformarsi in un messaggio “subliminale”, consiglio, quasi sotto forma di “terrorismo psicologico” da parte dei membri del collegio dei revisori, che tali dovrebbero essere senza cimentarsi a giocare ai “piccoli Einstein della politica”, magari chissà gli sarà stato suggerito per fare “presa”. Lo spettacolo del neolitico è stato veramente esilarante, picco di ascolti paragonabili alla Mediaset, artisti di primo pelo trasformatisi in attori da Oscar, arrivata alle prime luci dell’alba, la richiesta per la partecipazione al Golden Goble 2021 tanta è stata la ridondanza.
Passata la tempesta, passato l’atto di indirizzo, passata una mano sulla coscienza e l’altra sulla “cabeza”, sembra essere tornato il sole per l’amministrazione Cammarata, in un solo colpo ed in un unico consiglio comunale, “nulla ha dato e tutto ha ottenuto”. La messa è finita andate in pace.
Anna Zagara