lunedì , Maggio 23 2022

Enna, si è svolto il congresso provinciale Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) riconfermato Pintus

Enna. Si è svolto nella sala dell’Associazione Luciano Lama il congresso provinciale Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) organizzato in vista del 17° Congresso nazionale “Per una nuova fase della lotta democratica e antifascista”, che si svolgerà nel febbraio 2022.

Il congresso, presieduto da Piergiovanni Zaffora, si è aperto con il saluto e gli interventi di alcuni ospiti tra i quali il segretario provinciale della Cgil Antonio Malaguarnera, il presidente del Centro studi Med.Mez “Napoleone Colajanni” Paolo Garofalo, il presidente di Sicilia Antica, Sandro Amata, nonché Cristiana Pisano della Consulta studentesca e Andrea Greco dei Giovani democratici. Ha tratto le conclusioni sul congresso Vincenzo Calò della direzione nazionale dell’Anpi. Al centro della relazione del presidente uscente Renzo Pintus, il coinvolgimento dei giovani e della necessità della divulgazione storica. “Tra le tante iniziative pubbliche portate avanti – ha detto Pintus – in particolare la più interessante è stata quella sorta di pedagogia civile. Incontrando alunni delle elementari e studenti delle superiori abbiamo visto che c’è veramente nei giovani sete di sapere; e questo ce lo conferma il fatto che non siamo più noi ad andare a cercare ma sono loro che richiedono la nostra presenza per parlare dell’olocausto e delle vicende storiche che risalgono a quel periodo e quindi della nascita dei partigiani. Per noi dell’Anpi le radici ideali sono non solo nell’esperienza, nella vicenda e della storia dei partigiani, ma anche in quei principi che sono incardinati nella Costituzione e che hanno fatto nel nostro Paese una democrazia sociale”. In sintesi, è stato un congresso che ha ribadito l’impegno e la partecipazione democratica alla vita del territorio e del Paese in una grande alleanza per la persona, il lavoro, la società; un’Anpi che vuole essere custode dei valori della Costituzione, della Resistenza e che guarda con fiducia alle giovani generazioni e alle donne. Insomma, come è stato ribadito nei numerosi interventi, l’Anpi costituisce un elemento essenziale per una battaglia morale, etica e culturale per combattere le radici che alimentano ancora l’odio, la violenza, il razzismo, il nazionalismo che tanti danni hanno recato all’Italia e all’Europa. A conclusione degli interventi è stato eletto il nuovo direttivo. Alla presidenza è stato riconfermato Renzo Pintus. A lui si affiancheranno, nel direttivo, Adriana Papa, Gabriella Mancuso, Rosalba Vitale, Giuseppe Accasciana, Giuseppe Puglisi, Piergiovanni Zaffora, Gabriele Zaffora, Paolo Vasco, Gaspare Di Stefano e Carmelo Fausto Nigrelli. Revisori dei conti Angelina Dell’Area e Alfonso Gambacurta.
Giacomo Lisacchi