venerdì , Maggio 20 2022

Solidarietà di dirigenti e dipendenti agli amministratori di Irccs e società gruppo Oasi Maria SS indagati dalla Procura Europea

Sul sito dell’Oasi Maria SS di Troina sono comparse delle manifestazioni di solidarietà nei confronti dei vertici dell’istituto e delle società collegate al centro dell’indagine avviata dalla sede di Palermo della Procura europea su alcuni finanziamenti che l’Oasi Maria SS ha ricevuto dall’Unione europea. C’è la manifestazione di solidarietà del collegio di direzione dell’Irccs nei confronti del suo presidente Silvio Rotondo e dei suoi più stretti collaboratori. Il collegio di direzione è convinto dell’estraneità di Rotondo e dei collaboratori dai fatti che vengono loro contestati. Come capita di leggere in simili manifestazioni di solidarietà, anche in questa del collegio di direzione dell’Irccs è dichiarata “la massima fiducia nel lavoro della Procura di Palermo”. C’è anche l’auspicio che “il chiarimento di questa vicenda metta il presidente, le volontarie, gli amministratori, i sanitari e tutti i dipendenti dell’Oasi, nella condizione di continuare a lavorare serenamente” in favore delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Anche i dipendenti di Agrima srl e Oasi Maria SS srl, le due società collegate, manifestano la loro solidarietà e vicinanza agli amministratori al centro dell’indagine della Procura europea. Naturalmente anche loro esprimono fiducia nel lavoro della Procura europea. I dipendenti dell’Agrima ci tengono a far sapere che la loro azienda, “con il lavoro svolto con grandi sacrifici e trasparenza nel rispetto delle persone e della terra grazie ai quali viene assicurato un elevato livello dei cibi prodotti, di cui parte sostanziale finisce nelle mense dall’Associazione Oasi Maria SS, contribuisce in maniera determinante al benessere dei disabili e delle loro famiglie”. Le stesse cose dicono i dipendenti dell’Oasi Maria SS srl, solidarietà e vicinanza ai dirigenti, e “ricordano a tutti che la società dalla quale dipendono è composta da personale che da decenni lavora con grande spirito di sacrificio e abnegazione, grazie al quale viene assicurato un elevatissimo standard qualitativo dei servizi sanitari offerti dall’Irccs, contribuendo in maniera determinante al benessere dei disabili e delle loro famiglie”. Tutte queste manifestazioni di solidarietà si concludono con l’auspicio “che le indagini in corso consentano di accertare in tempi brevi la verità e, nel contempo, allontanare e neutralizzare persone e forze ostili all’Oasi ed alla popolazione troinese.
Silvano Privitera