martedì , Ottobre 4 2022

Altro traguardo per la Cardiologia dell’Umberto I di Enna

La Cardiologia di Enna potenzia ancora i suoi servizi con l’apertura di un nuovo ambulatorio dedicato alla fibrillazione atriale. Un modo per seguire con costanza una patologia che viene curata con la massima attenzione nella Cardiologia dell’Umberto I , affidata a un equipe di primo livello guidata dal primario dr. Lello Vasco. “L’impegno quotidiano dei miei colleghi Bonanno e Di Silvestro, coadiuvati da infermieri professionali altamente qualificati, ci ha permesso in pochi anni di raggiungere livelli encomiabili nella diagnosi e nella cura di tutte le aritimie – precisa il dr. Vasco-, si pensi infatti alla recente pratica della criablazione, l’innovativa tecnica che utilizza l’energia fredda contro le aritmie. Per accedere all’ambulatorio sarà sufficiente una semplice prescrizione medica da parte del medico curante”.

La fibrillazione atriale è l’aritmia più diffusa nella popolazione generale, la sua prevalenza tende a crescere con l’aumentare dell’età, per questo è piuttosto comune. Spesso i suoi sintomi peggiorare la qualità di vita, a causa delle complicanze che essa genera.
“Nella fibrillazione atriale – spiega il primario del reparto, Lello Vasco – l’attività elettrica degli atri è completamente disorganizzata e non corrisponde a un’attività meccanica efficace. A causa di questa irregolarità nella trasmissione della conduzione atrioventricolare i ventricoli si contraggano in maniera irregolare e rapida. Condizione che determina una riduzione del volume di sangue espulso a ogni sistole, dando così un alterato apporto ematico a tutti gli organi generando, a volte, sintomi e segni di scompenso cardiaco. I sintomi più frequenti? Palpitazioni cardiache, affaticamento e affanno.”
“Curare efficacemente la fibrillazione atriale – continua il direttore del Dipartimento di Medicina – significa prevenire complicanze quali ictus e scompenso cardiaco. Per fortuna, questa patologia può essere trattata farmacologicamente, con la cardioversione (una particolare scarica elettrica), l’ablazione trans-catetere o la crioablazione”.
Il laboratorio di elettrofisiologia del nosocomio ennese si occupa da anni della cura delle aritmie. Impianti di pacemaker, defibrillatori e dispositivi che monitorano costantemente l’attività cardiaca (loop recordere) rappresentano attività quotidiane.
“Da oggi – conclude Vasco – i nostri pazienti affetti da fibrillazione atriale acquisiranno un altro servizio a loro dedicato che consentirà a tutta l’equipe cardiologica di migliorare la qualità della assistenza”.

La prenotazione delle visita avverrà tramite Cup o telefonando allo 0935 516232/0935 516214