giovedì , Gennaio 21 2021

Sperlinga: Consiglieri minoranza “suonano la sveglia n.2” al Sindaco

Sperlinga. Seconda puntata di accuse per il primo cittadino sperlinghese dai Consiglieri di minoranza Michele Lo Bianco (nella foto), G. Li Calzi, Felice Castello, Filippo Castello e L.Costantino, con una lettera aperta che hanno distribuito alla cittadina
Per scelta di redazione abbiamo preferito riportare il testo integralmente, senza effettuare tagli e commenti:
“Che si lasci incustodita e abbandonata la palestra-Auditorium è fatto grave ed illecito;
che si lasci incustodita e abbandonata la struttura dell’Asilo Nido è fatto grave ed illecito;
che si lasci incustodita e abbandonata la struttura dell’ex Scuola Media di S. Margherita è fatto grave ed illecito;
che si lasci incustodita e abbandonata la struttura del nuovo Palazzo Comunale è fatto grave ed illecito;
che si lasci incustodito e abbandonato il campo sportivo è fatto grave ed illecito;
che si lasci incustodito ed abbandonato tutto quanto il resto è gravissimo;
che si lasci incustodito ed abbandonato il Campo Santo è grave, illecito e sacrilego.
Un cimitero che sembra non appartenere più a nessuno, con una porta che rimane sempre spalancata.
Senza che nessuno si ricordi che il cimitero è un luogo sacro che rappresenta un patrimonio sotto il profilo affettivo, storico, culturale e religioso.
Senza che nessuno realizzi che, omettendo di curarsi adeguatamente del cimitero, si commette “delitto” contro la pietà dei defunti e si offende la sensibilità dei vivi.
Tanto meno si ricorda di tutto ciò Lei Sig. Sindaco che continua a dormire sonni d’oro nella beatitudine di sempre.
E che vinto e avvinto in questo “grande sonno sindacale” trascura pigramente vivi e morti.
Come è successo anche nella circostanza di esequie funebri, dove il Comune è stato istituzionalmente assente ingiustificato ed ingiustificabile, facendo così perdere a Sperlinga l’occasione giusta per dire il grazie che si meritava ad un cittadino che si era distinto in molti settori della vita sociale e culturale del paese.
Sig. Sindaco si Svegli e si adoperi per il sonno di chi ne ha diritto eterno, magari cominciando a chiudere quel cancello del Cimitero che rimane indecorosamente aperto anche di notte”.