giovedì , Maggio 6 2021

All’archeologa Serena Raffiotta di Aidone il premio “Augusto Ajon” 2011

Nel corso della celebrazione della XLV Charter Night, con una cerimonia ufficiale è stato assegnato lo scorso 26 febbraio all’archeologa aidonese Serena Raffiotta dal Lions Club di Acireale il Premio “Augusto Ajon” 2011 per la pubblicazione dal titolo “Terrecotte figurate dal santuario di San Francesco Bisconti a Morgantina”.

Il Premio “Augusto Ajon”, istituito nel 1974 dal Lions acese per onorare la memoria del suo socio fondatore di origini aidonesi e primo Presidente, Augusto Ajon, apprezzato giornalista ed umanista nonché cultore di studi meridionalistici e storia siciliana, viene bandito annualmente con l’obiettivo di premiare “un lavoro – edito o comunque divulgato – che abbia pregio scientifico, artistico o divulgativo e riguardi aspetti storici, sociali, economici, ambientali e in genere culturali del territorio di Acireale o di quello di Aidone, dove nacque Augusto Ajon”. La commissione giudicatrice ha valutato molto positivamente l’opera di Serena Raffiotta ritenendola meritevole del Premio, assegnato ex aequo con un altro lavoro in concorso riguardante un progetto di restauro di un edificio storico di Acireale.

L’opera premiata è un’interessante ricerca a carattere scientifico su un cospicuo gruppo di preziose terrecotte votive, pubblicata nel 2007 con l’obiettivo di sottoporre all’attenzione del mondo scientifico-accademico una delle più importanti aree sacre dell’antica città siculo-greca di Morgantina, il monumentale santuario demetriaco di contrada San Francesco Bisconti. Questo santuario, venuto alla luce casualmente nel 1977 a seguito di scavi clandestini, purtroppo rimane ancora oggi nell’ombra, perchè inadeguatamente edito e non ancora inglobato nel percorso di fruizione del sito archeologico. Da questa grande area di culto, dalla suggestiva ubicazione e caratterizzata da una complessa articolazione architettonica, sarebbero stati trafugati sul finire degli anni Settanta gli acroliti, coppia di statue greche in marmo del VI secolo avanti Cristo raffiguranti le dee Demetra e Persefone, recentemente restituite all’Italia dagli USA e dal 2009 esposte al Museo Archeologico Regionale di Aidone.