martedì , Marzo 2 2021

Manifestazione legalità a Catenanuova

Catenanuova. Ad un solo anno dal rinnovo del quadro amministrativo, la politica catenanuovese si mette in mostra per captare la simpatia dei catenanuovesi, ma questa manifestazione per la legalità non era certamente il palcoscenico ideale per fare delle avances politiche. Al termine di ben quattro incontri bisogna dire che è stata davvero una saggia decisione, quella di affidare ai giovani delle varie associazioni presenti a Catenanuova, l’organizzazione della giornata per la legalità che si è svolta ieri sera dalle 19.30 e fino alle 21.30, lungo le vie cittadine. Giorno 19 di luglio, prevista un’altra manifestazione stavolta a livello provinciale per dire basta ai fenomeni delittuosi che da qualche tempo degradano l’immagine della nostra cittadina. Dal presidente della Misericordia Carmelo Scravaglieri, sono stati individuati quattro giovani, Alessandro Passalacqua, Salvatore Cali, Flavia Di Bari e Carmen Celi, per coordinare la manifestazione ed attorno a loro centinaia di giovani che hanno preparato messaggi e slides visivi, realizzati dai rappresentanti delle tante associazioni presenti e che al termine della manifestazione sono stati proiettati sui muri delle antiche vasche di Piazza Marconi. Un coinvolgimento generale, dunque, che va dalle associazioni di volontariato, culturali e sportive, ma anche ai gruppi parrocchiali, forze politiche, cittadini vittime della criminalità, uomini e donne, ragazzi e giovani, adulti e anziani. Rimane dunque in itinere la formazione di un comitato formato da tutti i cittadini, infatti sono stati in centinaia i catenanuovesi ad aderire all’iniziativa. Si sta lavorando anche per varare uno statuto, che dovrà essere il vademecum dei catenanuovesi per pensare ad una Catenanuova più vivibile e senza la paura di trovarsi vittime di sparatorie incontrollate come è successo in questi ultimi anni. Massiccia la partecipazione al circuito della manifestazione che è partita da Piazza Marconi, Piazza Europa, via Libertà, Vittorio Emanuele e concludendo di nuovo in piazza Marconi dove sono state apprezzate le riflessioni del parroco Natale Bellone, del sindaco Aldo Biondi e di un rappresentante di una associazione che lotta da tempo, contro la mafia e dell’assessore provinciale Turi Zinna.

Carmelo Di Marco