giovedì , Gennaio 28 2021

Enna. Agricoltori in ambasce, pericolo siccità richiesta acqua diga Olivo

Enna. Allarme degli agricoltori che ricevono l’acqua dalla diga Olivo e che, in questo momento, proprio a causa dell’estate molto calda, ricevono poca acqua per irrigare le proprie coltura con il rischio di perdere il proprio raccolto. Sono migliaia gli agricoltori della zona di Barrafranca, Pietraperzia e Piazza Armerina che ricevono l’acqua, a turno, dalla diga Olivo, ma ora la situazione è molto pericolosa per cui è stato chiesto all’assessorato all’agricoltura della Provincia regionale, diretto da Marcello Melfa, che è un agronomo, affinché si attivi per avere qualche turno in più nell’irrigazione dei campi in quanto esiste il rischio che le coltivazione di ortaggi ed altri prodotti vengano perdute per mancanza di acqua. Ieri mattina il funzionario dell’assessorato, Andrea Scoto, che ha seguito da vicino la vicenda diga Olivo ed ha ricevuto le richieste degli agricoltori, si è attivato per organizzare una riunione che possa portare alla soluzione del problema, vale a dire la concessione di un maggiore quantitativo di acqua in modo da riuscire a salvare le colture degli agricoltori della zona sud del territorio provinciale. Tutte queste complicazioni hanno spinto il presidente della Provincia regionale, Pippo Monaco, e l’assessore all’agricoltura Marcello Melfa di chiedere alla Regione, anche con l’intervento del prefetto, Clara Minerva, interventi urgenti per l’irrigazione di soccorso nel comprensorio servito dalla diga Olivo – Convocazione incontro tecnico-operativo. La Provincia regionale a seguito dei contatti avuti sia con il Prefetto e con il sindaco di Barrafranca, Salvatore Lupo, è stato organizzato un incontro tecnico che avverrà questa mattina, alle 10, nella sala convegni della Provincia per definire gli interventi necessari a garantire l’irrigazione di soccorso del comprensorio. La Provincia, nella lettera di convocazione, evidenzia i danni gravissimi economici che si stanno registrando per la produzione e delle conseguenze socio-economiche del territorio. Alla riunione di oggi sono stati invitati il responsabile del settore della Regione Siciliana, ma anche le associazioni di categoria che sono interessati ad utilizzare le acque della diga Olivo per l’irrigazione, e al responsabile dell’Osservatorio permanente sulla diga Olivo, al presidente del consiglio provinciale di Caltanissetta e al sindaco e all’assessore all’agricoltura di Mazzarino.