lunedì , Ottobre 3 2022

Piazza Armerina. Ballottaggio amministrative le “squadre” dei candidati

Piazza Armerina. Ieri alle 14 si è ufficialmente chiuso presso l’ufficio elettorale del Comune di Piazza Armerina il quadro definitivo delle alleanze e degli apparentamenti finalizzati ad affrontare la seconda fase della campagna elettorale per il rinnovo delle cariche amministrative. Adesso la Città accanto ai nomi di Maurizio Prestifilippo e Filippo Miroddi, i 2 candidati sindaco che hanno conquistato l’accesso alla fase del ballottaggio, conosce anche i nomi dei componenti delle 2 squadre che duelleranno la prossima settimana per conquistare il massimo numero di consensi tra gli elettori piazzesi, i quali decideranno chi guiderà Piazza Armerina per i prossimi 5 anni.
Già durante la prima fase elettorale, Prestifilippo e Miroddi, così come indicato dalla legge elettorale, avevano indicato 2 dei 4 nomi degli assessori che comporranno la giunta municipale. Miroddi aveva indicato il medico Filippo Sammarco e il geologo Angelo Picicuto a cui ieri si sono aggiunti i nomi del vigile urbano Luigi Bascetta e della dipendente Asp Ornella Monasteri. Maurizio Prestifilippo aveva indicato, invece, l’onorevole piazzese Luisa Lantieri e il fondatore del Mir Gianpiero Samorì a cui ieri ha affiancato i nomi della docente Rosa Betto Liggieri e dell’imprenditore Ranieri Luca Ferrara.
Maurizio Prestifilippo oltre a depositare la lista degli assessori ha anche depositato il documento di apparentamento ufficiale, oltre che politico anche tecnico, della coalizione che lo ha sostenuto al primo turno (Pdl, Mir, Grande Sud, Fratelli d’Italia, Sicilia in Movimento) con la coalizione che sosteneva il candidato sindaco Ranieri Ferrara formata dal Megafono e dalla lista “Per Ranieri Ferrara Sindaco”.
Filippo Miroddi ha siglato, invece, un accordo solo politico con Luigi Bascetta che durante il primo turno concorreva alla carica di sindaco con la lista civica “Bascetta Sindaco”. Miroddi ha indicato Luigi Bascetta tra i 4 componenti della sua squadra di assessori per ottenere il consenso elettorale dei suoi sostenitori.
Non sarebbero pervenute comunicazioni ufficiali circa la notizia di dichiarazioni di apparentamenti da parte delle coalizioni politiche che gareggiavano al primo turno elettorale, quelle che facevano capo rispettivamente ad Agostino Sella, Renzo Amore e al sindaco uscente Carmelo Nigrelli.
Se vince Filippo Miroddi 12 seggi in consiglio comunale saranno assegnati alla sua coalizione, 3 alla coalizione di Nigrelli, 3 alla coalizione di Prestifilippo, 1 al M5S della coalizione di Sella e 1 al Megafono di Ferrara, nessun seggio toccherebbe alla coalizione di Bascetta.
In caso di vittoria da parte di Maurizio Prestifilippo in consiglio comunale saranno assegnati 9 seggi alla coalizione che lo sosteneva già al primo turno elettorale, 3 alla coalizione di Ferrara che si è apparentata, 1 alla coalizione che faceva capo a Bascetta, 1 al M5S di Sella, 2 alla coalizione di Miroddi e 4 sarebbero assegnati alla coalizione di Nigrelli.
Per effetto dei risultati del primo turno avrebbero già superato la competizione elettorale per l’assegnazione dei seggi al consiglio comunale i candidati: Francesco Alberghina; Salvatore Alfarini; Antonio Catalano; Calogero Cimino; Calogero Cursale; Filippo La Mattina; Ilenia Marotta; Teresa Neglia; Laura Saffila.
Marta Furnari