venerdì , Gennaio 22 2021

Gagliano, cinquantaduesima commemorazione della morte di Enrico Mattei

Gagliano. L’Associazione pionieri e veterani Eni della sezione di Gagliano, in collaborazione con il Circolo degli operai, ha organizzato la cinquantaduesima commemorazione della morte del primo presidente dell’Eni, Enrico Mattei, scomparso il 27 ottobre del 1962, dopo aver pronunciato l’ultimo comizio della sua vita in piazza Monumento ai caduti a Gagliano. Quest’anno la commemorazione è avvenuta con due giorni di anticipo perchè stato invitato a partecipare il Coordinamento regionale siciliano per le società operaie di mutuo soccorso, al quale è associato anche il Circolo degli operai di Gagliano che è tra i primi fondatori. Era desiderio del presidente del Coresi, Giuseppe Ciavirella, riunire a Gagliano le trentasei società operaie aderenti al Coordinamento, per cui si è scelta una data importante, nella quale ricordare anche un grande uomo. Tanta partecipazione e molta emozione tra coloro che conobbero Mattei.
anniversario morte Mattei 2014
Oltre ad una mostra fotografica si è tenuto il convegno dal titolo: “Gagliano Castelferrato ricorda Enrico Mattei”, presso la sede del Circolo degli operai. Ad introdurre il convegno, il presidente del Circolo Giuseppe La Ferrera. Sono poi intervenuti il sindaco di Gagliano, Salvatore Zappulla; l’arciprete emerito, mons. Vito Vasta; il giornalista Francesco Abramo; e il sacerdote don Beniamino Sacco. Si è parlato del ruolo delle società operaie alla luce di alcuni aggiornamenti legislativi regionali, poi il presidente dell’Apve di Gagliano, Vito Bottitta, si è soffermato sul ricordo di Mattei. Il convegno si è concluso con l’intervento del docente di Storia contemporanea all’Università di Palermo, Michelangelo Ingrassia, in qualità di presidente del Centro per la ricerca, documentazione e studio delle società di mutuo soccorso siciliane. Come di consueto è stata celebrata una messa in chiesa madre, presieduta da don Pietro Antonio Ruggiero, e poi il corteo con sosta in piazza Monumento per qualche minuto di raccoglimento, fino a deporre una corona d’alloro ai piedi del busto bronzeo a lui dedicato nella villa comunale del Piano Puleo.

Valentina La Ferrera





RIPRENDIAMO E PUBBLICHIAMO DAL QUOTIDIANO LA SICILIA