venerdì , Luglio 30 2021

Nicosia. Aggredì con pugni un automobilista. Condannato a 4 mesi con sentenza passata ingiudicato, tradotto ai domiciliari

CASTROGIOVANNI DAVIDENel corso della mattinata a Nicosia, personale della Stazione Carabinieri di Nicosia in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna, ha proceduto all’arresto di Castrogiovanni Davide classe 1973, di Nicosia dovendo lo stesso espiare la pena di 4 mesi di reclusione per il reato di lesioni personali e violenza privata. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.
I fatti, per i quali l’uomo è stato condannato, risalgono al 18.2.2009. In particolare in quella giornata accade che un uomo di Nicosia posteggiò la propria autovettura in via Nazionale per sbrigare delle faccende personali. Al suo rientro però, sali sopra il mezzo e si accorse che non riusciva a fare retromarcia in quanto l’autovettura del Castrogiovanni gli ostruiva il passaggio. L’uomo pertanto chiese al Castrogiovanni di spostare l’auto e a tale richiesta venne aggredito verbalmente, con pugni al volto. L’automobilista pertanto con il proprio cellulare tentava di richiedere aiuto al 112 ma il telefono gli venne strappato dalle mani e fu costretto ad utilizzare il telefono di un’attività commerciale li vicino. Il 28 aprile 2014 la Corte Suprema di Cassazione ha dichiarato l’inammissibilità del ricorso presentato dal Castrogiovani ed ora dovrà scontare la sua detenzione.