lunedì , Ottobre 3 2022

Enna. Assemblea sindaci Ato Rifiuti

Cozzo Vuturo 2Enna. Non si è trattato il problema della discarica di Cozzo Vuturo, che è di estrema importanza tenuto conto dell’aria che si respira in Sicilia, ma in compenso si è parlato di parecchi problemi che hanno riguardato sia l’Ato Rifiuti che Sicilia Ambiente, messa in liquidazione, sia l’attesa per la riconferma o la nomina dei commissari straordinari. Intanto l’assemblea, che si è riunita ieri mattina, ha deciso di proseguire un’azione di responsabilità nei confronti di chi ha utilizzato le somme del fondo di rotazione per pagare dei debiti, solo che questi pagamenti avvenivano per alcuni creditori e non per altri. Qui c’è da ricercare i responsabili di queste contabilità “allegre” perché non è molto facile andare ad individuare chi sono i responsabili di questi pagamenti “ad personam”. E’ stato deciso che i gli automezzi di SiciliAmbiente passino, con una certa urgenza, all’Ato Rifiuti in moda consentire alla stessa azienda di metterli in regola e consentire loro di poter circolare in maniera ufficiale e regolare. A proposito di SiciliAmbiente c’è da sottolineare che il liquidatore, avvocato Vitale, ha evidenziato nella sua relazione che è difficile poter varare i bilanci dal 2008 perché, a livello contabile, c’è una confusione totale, andare a leggere quei numeri è veramente un’impresa perché regna la confusione più totale e non si capisce quale è stato il ruolo dei revisori dei conti in questa situazione. SiciliAmbiente ha ricevuto una serie di istanze di fallimento non solo da aziende creditrici, ma anche da operai che oggi lavorano con AcquaEnna, istanze di tanti soldi e non si sa dove trovarli perché è chiaro che i comuni non possono mettere di soldi in questo grande calderone perché non ci sono delle voci specifiche nei loro bilanci. Una situazione difficile che creerà sicuramente dei problemi finanziari notevoli a tutti. Per quanto riguarda il commissario straordinario Amato è probabile che entro venerdì riceva per altri sei mesi la riconferma nel suo incarico ma potrebbe essere nominato qualche altro. Sicuro è che un commissario straordinario sarà nominato perchè, allo stato attuale delle cose, è necessario perché nel campo dei rifiuti Enna e la sua provincia è in stato confusionale soprattutto nel campo finanziario. C’è da sottolineare che la riunione per la nuova società di Rifiuti non è oggi, ma è stata rinviata a giovedì 15 gennaio.






RIPRENDIAMO E PUBBLICHIAMO DAL QUOTIDIANO LA SICILIA