martedì , Aprile 13 2021

Sicilia. Giunta regionale, approva declaratoria piogge alluvionali per provincia di Enna

regione siciliaLa giunta regionale ha approvato nella giornata di ieri alcuni provvedimenti tra cui su proposta dell’assessore all’Agricoltura: declaratoria sulla delimitazione dei territori interessati da piogge alluvionali per la provincia di Enna (11 febbraio 2015 – 20 marzo 2015). E’ stata inoltre deliberato l’assegnazione di incarico ad interim del dipartimento Agricoltura al dott. Giovanni Bologna.

La Giunta regionale – su proposta dell’Assessore dell’Agricoltura Sara Barresi – ha approvato le proposte di declaratoria per calamità per alcuni comuni delle province di Agrigento, Enna e Palermo colpite negli scorsi mesi da piogge alluvionali che in molti casi hanno comportato smottamenti, esondazioni di fiumi che hanno causato significativi danni strutturali alle aziende agricole e danneggiamenti alle infrastrutture del territorio colpito.
Le proposte verranno ora trasmesse al Ministero delle Politiche Agricole per il successivo riconoscimento.
“Il Governo regionale ha prestato e continua a dare grande attenzione alle imprese agricole siciliane -dichiara l’Assessore Barresi. Un’attenzione rispetto alle criticità che si verificano ma anche una disponibilità al confronto ed all’informazione che, soprattutto in fase di attuazione del PSR, è stata sempre crescente”.
Altra importante proposta approvata dalla Giunta nella logica del decentramento e della semplificazione amministrativa è l’estensione ai Centri di Assistenza Agricola siciliani (CAA) di alcuni servizi da rendere agli agricoltori. In particolare la delibera di Giunta prevede che i C.A.A. potranno convenzionarsi con l’Assessorato all’Agricoltura – a costo zero per la stessa Regione – e svolgere alcuni compiti dapprima di competenza dell’Amministrazione regionale, quali: il rilascio della concessione del carburante agricolo agevolato (ex UMA), l’abilitazione all’esercizio dell’attività agrituristica e il riconoscimento delle Fattorie didattiche.