mercoledì , Gennaio 27 2021

Bilancio partecipato: a Pietraperzia convocata assemblea cittadina

Pietraperzia Antonio Calgero BevilacquaPietraperzia. Convocata un’assemblea cittadina per il prossimo sabato 19 settembre alle ore 18:30 presso la piazza Vittorio Emanuele per attuare il bilancio partecipativo per l’anno 2015. Allo scorso consiglio comunale dell’8 settembre, infatti, l’adunanza ha votato all’unanimità il regolamento per l’attuazione del bilancio partecipativo. Si tratta di uno strumento previsto dalla legge regionale che impone a tutti i comuni di coinvolgere la cittadinanza nella decisione di spesa di una percentuale minima dei trasferimenti regionali a favore dello stesso comune. In particolare, per l’anno 2015 tale somma ammonta a circa 10.000 euro. “È la prima volta nella storia che i cittadini di Pietraperzia vengono coinvolti nelle scelte di bilancio – dichiara il sindaco Antonio Bevilacqua – ed è una grande opportunità di democrazia diretta che avvicina i cittadini alle istituzioni e li rende partecipi dell’azione amministrativa”.

Il regolamento approvato prevede numerose modalità attraverso cui richiedere il parere dei cittadini, dal voto telematico alle assemblee pubbliche.

“Per il bilancio 2015 – afferma il Presidente del Consiglio Rocco Miccichè – abbiamo dovuto fare tutto in fretta e i voti cittadini saranno raccolti tramite moduli prestampati in un’unica assemblea convocata per il prossimo sabato 19 settembre; per il bilancio 2016 saranno predisposte sicuramente modalità più versativi e con maggiore tempo di scelta”.

L’amministrazione ha individuato alcuni suggerimenti da sottoporre al voto dell’assemblea fra cui: l’acquisto di buoni lavoro destinati a remunerare piccoli lavoretti svolti dai cittadini più deboli; L’acquisto e istallazione di telecamere di sorveglianza; l’acquisto di cestini gettacarte e fioriere. Mentre nel modulo sono state inserite anche proposte provenienti da singoli cittadini quali: il rimboschimenti di alcune aree verdi e l’acquisto di giochi per bambini. “In ogni caso – conclude il sindaco Bevilacqua – nella scheda di voto ognuno potrà indicare altre idee personali”.



Riprendiamo e pubblichiamo dal quotidiano La Sicilia