domenica , Gennaio 24 2021

Valguarnera: la minoranza diventata maggioranza e propone riduzione Tari

Valguarnera. Cambia la geografia politica in consiglio comunale, con la minoranza che diventa maggioranza, dopo lo strappo di Fabio Arena, Cristofero Alessi prima e di Debora Ruta, dopo. E dopo la bocciatura del Piano Rifiuti avvenuta nei mesi scorsi è ora il turno della riduzione della tassa che agevolerebbe in prima istanza commercianti, artigiani ed uffici. Gli otto consiglieri, i 5 dell’”Altra Voce” e di Forza Italia, nonché i tre ex della maggioranza hanno chiesto al presidente del consiglio di inserire all’ordine del giorno del prossimo consiglio, la discussione sulla “modifica del regolamento per la disciplina dell’imposta unica comunale” che dovrebbe comportare la riduzione dei rifiuti per tutto il settore delle attività produttive. Discussione che sarebbe dovuta avvenire giovedì mattina in concomitanza con l’approvazione del bilancio di previsione pluriennale. “Ma nonostante le nostre sollecitazioni al presidente del consiglio – fa sapere la consigliera di FI Concetta Dragà- ciò non è avvenuto. Non so se sia regolare tutto ciò” Proposta comunque, che già era stata avanzata qualche anno fa dallo stesso gruppo di minoranza, dal comitato cittadino e dal M5S, ma mai presa in considerazione dalla Giunta Draià. A beneficare della riduzione, se dovesse andare in porto, saranno, come abbiamo accennato, i commercianti, gli artigiani, gli uffici e tutte le categorie che rientrano tra le utenze non domestiche ed andrebbe in compensazione con il saldo della bolletta Tari 2018. La modifica della Tari prevede per queste categorie un abbattimento di circa il 70% della parte variabile del tributo. Gli otto proponenti avrebbero pure individuato la copertura finanziaria che avverrebbe tramite un fondo di riserva da far valere annualmente in sede di approvazione di bilancio. Per i consiglieri de “L’Altra Voce” : “Otto adesioni costituiscono la maggioranza del consiglio. Obiettivo è ridurre la Tari a coloro che svolgono attività produttive, contemporaneamente si sta pensando a ridurre l’aumento della Tariffa voluto dall’ amministrazione comunale per i cittadini che il prossimo anno si troveranno a pagare il 34% in più. Questa azione pensiamo di condurla con tutti i consiglieri comunali liberi da vincoli perché è compiuta nell’interesse della nostra comunità”.

Rino Caltagirone