martedì , Gennaio 19 2021

A Piazza Armerina Fratelli d’Italia si riorganizza, incontro con Sindaco Cammarata: nulla di concreto ne è uscito

Piazza Armerina. E’ proprio di qualche giorno fa, il comunicato stampa dei vertici Siciliani di FdI, che comunicava la nomina quale Commissario del comune di Piazza Armerina del Prof. Fernando Cipriano. Lo stesso, dopo essere stato contattato ed interloquito con i rispettivi riferimenti provinciali e regionali, ha accettato di buon grado la nomina pur sapendo che non sarà proprio una passeggiata ricostruire un partito dopo la “frammentazione-frantumazione” dello stesso. Il prof. Cipriano ha dichiarato: ”mi è stato chiesto di essere inclusivo di certo non porterebbe a niente la chiusura a riccio ma neanche l’apertura a 360 gradi. La cosa certa è che, necessita mettere una pietra sopra a tutto ciò che è stato il passato del partito nella nostra città, gli ultimi mesi sono stati caratterizzati da fatti spiacevoli per il gruppo presente nella nostra città, ma ora si guarderà avanti affinché si possa ricostruire una forza partitica ben organizzata a livello comunale e perché no, che possa guardare in futuro anche ad una proposta per le prossime elezioni regionali”. Al commissario è stato chiesto come intende porsi con l’amministrazione Cammarata, dopo le dimissioni dell’assessore Avv. Cugini e la nuova “pseudo” tale, posizione all’interno del civico consesso del consigliere rappresentante FdI si rimette tutto in gioco, cioè l’assessorato ed il “ripassaggio” del consigliere di FdI in maggioranza, che per la verità lo stesso non ne è mai uscito. Il neo commissario, nel merito fa presente: ” ho già avuto un primo incontro con il Sindaco Cammarata, nulla di concreto ne è uscito dallo stesso, ma diversi sono i consiglieri di maggioranza che hanno manifestato il proprio interesse per un possibile ingresso in FdI, tutto potrebbe essere possibile, come anche quello di alcuni consiglieri di opposizione, come ho già dichiarato bisogna essere inclusivi ma è tutto da valutare”.
Ha ragione il neo commissario, inclusivi con cautela. Nell’attesa di eventuale presa di posizione all’interno dell’amministrazione, diverse e di vari soggetti politici e non, sono le richieste di incontri, a quanto pare il partito fa gola ai molti ed infatti ha già un folto calendario di cene, a rischio salute fisica, mentale e portafoglio. Diverse sono le ipotesi, chi sostiene che FdI si presenterà con il cappello in mano per l’assessorato e con già un suo consigliere; chi invece che, se veramente si vuole dare un nuovo aspetto al partito, non dovrebbe cedere alle richieste del sindaco o di chi per lui, come per esempio l’ingresso di alcuni consiglieri di maggiorana, che peraltro prima ancora dovrebbe essere richiesta una verifica di maggioranza con annesso elenco di cittadini appartenenti al partito che li rappresenta in consiglio. Ne tanto meno, il Prof.Cipriano potrebbe essere scontentato dal sindaco Cammarata, si vocifera infatti, che quest’ultimo abbia chiesto un favore proprio al Commissario Regionale di FdI e che dovrebbe essere esitato favorevolmente, certo non si capisce perché chiedere a lui quando ha a sua disposizione il presidente della Regione. Comunque, bisognerà aspettare ancora qualche settimana per conoscere il finale del “film” dalla trama aggrovigliata e piena di suspense, ciò che di certo abbiamo è che al momento al sindaco della città dei mosaici potrebbe non interessare consegnare il suo ultimo “assessore-ato”, ormai la variazione di bilancio è passata, il consigliere che rappresenta il partito a chiamata risponde, e poi potrebbe servire per qualche altra situazione da pelare, esempio non lontano, l’ultima nomina assessoriale del tipo:”vota favorevole il dissesto e ti nomino assessore”, bibbidi bobbidi bù e così fù.
In tutto ciò, non si può che augurare al prof. Cipriano di rispolverare le sue qualità e abilità politiche, sempre che ne sia rimasta traccia negli anni, e cosa più importante, non circondarsi, solo per fare numeri di tessere senza valore, dei soliti “gnaccacani” di turno, deve considerare anche che, la macchina elettorale per le prossime Regionali è già stata messa in moto e che, a quanto si direbbe nel mondo politico, uno dei passeggeri sarebbe proprio il Sindaco Cammarata. Quindi “cosa resterà di noi”, quanto resterà, chi resterà e fino a quando, non si sa, se però organizzerà la sua probabile compagna elettorale per le regionali, così come gli eventi dell’estate armerina, si sà… “auguri”.

“Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta” (Margaret Mead)


Anna Zagara