venerdì , Settembre 24 2021

Aidone Morgantina: cala il sipario sul BarbabluFest. Per l’anno prossimo annunciati Francesco De Gregori e Renato Zero

Due settimane fitte di teatro, musica e incontri che il territorio ha mostrato di gradire: e una grande chiusura con Leo Gullotta e l’Orchestra di Piazza Vittorio che ieri sera ha fatto risuonare i suoi ritmi multiculturali. Il Barbablù fest chiude i battenti nell’area archeologica di Morgantina con un risultato di tutto rispetto, soprattutto per una rassegna ai suoi primi vagiti: tremila spettatori, molti turisti, che hanno raggiunto questo angolo di Sicilia lontano dalle tradizionali rotte di viaggio. Ma già si pensa al futuro visto che l’ideatore della rassegna Pietrangelo Buttafuoco ha annunciato che per la prossima edizione, hanno già promesso la loro presenza Renato Zero e Francesco De Gregori; e si sta già mettendo mano al cartellone teatrale per intercettare le produzioni.
“In Sicilia non ci sono periferie: noi abbiamo portato teatro e musica a Morgantina, ulteriore passo della politica del Governo Regionale che mira a valorizzare tutte le aree della nostra isola” dice l’assessore regionale ai Beni Culturali Alberto Samonà che ha fortemente voluto questa rassegna. “Un programma intenso che il pubblico ha gradito molto e ci fa già pensare al futuro” interviene il direttore artistico Giuseppe Dipasquale mentre per il produttore Andrea Peria, “Barbablù fest ha permesso a tanti artisti e tecnici dello spettacolo di tornare finalmente a lavorare, senza contare la ricaduta sul territorio”.

Insomma, si pensa al futuro, ma si tirano già le somme: venerdì sera Leo Gullotta ha riempito il teatro con il suo Minnazza, ieri sera il pubblico ha ballato sulle note dell’Orchestra di Piazza Vittorio con i suoi musicisti che sono un vero melting pot culturale. Nelle scorse settimane, dopo l’entusiasmante apertura con Lello Analfino e i Tinturia, sono arrivati a Morgantina, Viola Graziosi, Roberto Cacciapaglia, Juri Camisasca e i Radiodervish, Salvo Piparo, Roberto Nobile, Ninni Bruschetta, solo per citarne alcuni. E tutti sono stati un successo.